Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Manca la 'prova' dello spaccio e il giudice lo assolve

Il magistrato ha pronunciato formula assolutoria per il pusher

Assoluzione per assenza della prova certa. E' quanto stabilito dal giudice monocratico Raffaele Ferraro del tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti del pusher Luca Piscitelli, 30enne di Caserta.

Il 30enne casertano, assistito dall'avvocato Alfonso Iovino, era agli arresti domiciliari quando nell'aprile del 2022 i carabinieri del Norm del Capoluogo eseguirono un controllo presso la sua abitazione. I militari rinvennero 9 grammi di hashish da cui erano ricavabili 90 dosi medie singole. Finì sotto processo per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. 

Il legale ha dimostrato che non c'era la prova dell'effettivo spaccio giacchè non sono stati trovati strumenti atti al confezionamento o acquirenti che puntassero il dito contro il pusher. Tesi accolta dal giudice monocratico che ha assolto il pusher.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manca la 'prova' dello spaccio e il giudice lo assolve
CasertaNews è in caricamento