Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca San Cipriano d'Aversa

Allaccio abusivo alla rete pubblica, 68enne si salva dall'accusa

E' stata assolta perchè il fatto non sussiste dal giudice monocratico Grassi del tribunale di Napoli Nord

Assolta perchè il fatto non sussiste. E' quanto disposto dal giudice monocratico Rossella Grassi del tribunale di Napoli Nord nei confronti di R.D.V., 68enne di San Cipriano d'Aversa, finita sotto processo per furto di energia elettrica.

Secondo quanto accertato dal sostituto procuratore Giovanni Corona, la 68enne, assistita dagli avvocati Pasquale Rocco e Francesca Forte, intestataria di un contatore posto in una abitazione di via Campo Isola, avrebbe sottratto energia elettrica. La donna quindi per la pubblica accusa avrebbe manomesso il contatore creando un allaccio abusivo sottotraccia e diretto alla rete di distribuzione energetica. In questo modo si sarebbe appropriata di 27,480 kwh dall'ottobre 2014 all'ottobre 2019.

La difesa ha fatto emergere che nell'immobile erano convissute diverse persone e che non era stata data la prova che R.D.V. avesse effettuato l'allaccio abusivo. Dimostrata l'estraneità della 68enne ai fatti contestati, è stata assolta perchè il fatto non sussiste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allaccio abusivo alla rete pubblica, 68enne si salva dall'accusa
CasertaNews è in caricamento