Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Casagiove

Imprenditori accusati di aver sottratto 78mila euro di energia elettrica, il giudice li assolve

Il magistrato ha emesso sentenza di non luogo a procedere per difetto di querela

Sentenza di non luogo a procedere per mancanza di querela quale condizione di procedibilità. E' quanto disposto dal giudice monocratico Carla Montanaro nei confronti di Maria Verde e Vincenzo Capocelli, entrambi 59enni e di San Nicola la Strada, finiti sotto processo per furto aggravato di energia elettrica.

I due, assistiti dall'avvocato Nello Sgambato, secondo la ricostruzione della Procura sammaritana, nell'ottobre del 2028 a Casagiove, Verde in qualità di amministratrice unica e Capocelli in qualità di gestore della società "Generali Rettifiche srls", si sarebbero impossessati di energia elettrica.

I due imputati avrebbero quindi sottratto alla rete Enel corrente per un valore di 78mila euro, attraverso la tecnica del magnete sul contatore.

La difesa ha fatto emergere l'estraneità dei fatti contestati in capo ai suoi assistiti alla luce anche della mancata querela sporta dalla società distributrice della fornitura elettrica. Tesi accolta dal giudice monocratico sammaritano che ha pronunciato formula assolutoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditori accusati di aver sottratto 78mila euro di energia elettrica, il giudice li assolve
CasertaNews è in caricamento