La Polizia di Stato arresta 25enne latitante polacco

Roccamonfina - A seguito di un'operazione effettuata in stretta collaborazione tra la divisione anticrimine della questura di Caserta ed il commissariato p.s. di Sessa Aurunca, diretta dal primo dirigente dr. Giovanni Mandato, ieri sera è stato...

20110616150641_jakub

A seguito di un'operazione effettuata in stretta collaborazione tra la divisione anticrimine della questura di Caserta ed il commissariato p.s. di Sessa Aurunca, diretta dal primo dirigente dr. Giovanni Mandato, ieri sera è stato tratto in arresto a Fontanafredda di Roccamonfina, dove si era rifugiato per sfuggire alla giustizia del suo paese, il venticinquenne polacco Jakubowski Piotr.
In polonia lo Jakubowski, circa cinque anni orsono, si era reso responsabile di vari reati, tra cui il ferimento grave di due suoi connazionali, falsa testimonianza e falsificazione dei propri documenti d'identità. Quindi la fuga all'estero ed in Italia dove lo Jakubowski si era stabilito da alcuni anni, cambiando piu' volte residenza e domicilio tra Roccamonfina, gallo e Fontanafredda, alterando la data di nascita sui propri documenti e persino tentando di camuffare i propri connotati cambiando colore e taglio di capelli.
Questo gli ha consentito di condurre un'esistenza normale fino a ieri quando grazie alla sagacia ed alla tenacia delle squadre congiunte dei due organi di polizia, coordinati dai sost. Commissari Cicatiello R. e Cervo P., a seguito di laboriose indagini in diversi luoghi del comprensorio del vulcano di Roccamonfina, i poliziotti sono riusciti a risalire all'appartamento di Fontanafredda dove lo Jakubowski e' stato finalmente rintracciato e tratto in arresto in esecuzione di mandato di cattura europeo e contestuale richiesta di estradizione in Polonia.
Condotto presso gli uffici del commissariato di sessa aurunca, dopo gli adempimenti di rito e' stato tradotto presso la casa circondariale di S. Maria C.V. a disposizione dell'autorità giudiziaria competente, in questo caso la procura generale della repubblica e la corte d'appello di Napoli che decideranno sulla sua imminente estradizione in Polonia dove lo attende l'espiazione di una condanna, già emessa da quei giudici, a quattro anni e mezzo di reclusione.
Accertamenti sono tuttora in corso sulla regolarità della locazione dell'appartamento in cui e' stato catturato, considerato che la cessione dell'appartamento non risulta essere stata comunicata, come da legge, alle autorità di pubblica sicurezza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento