menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110116112350_DICAPRIO_MICILLO

20110116112350_DICAPRIO_MICILLO

Droga, violano le prescrizioni degli arresti domiciliari: due arresti

Maddaloni - Nella mattinata di ieri, la Squadra Mobile ha dato esecuzione alla Ordinanza nr. 45453/07 P.M. e nr. 54399/10 G.i.p., che dispone l'aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in...

Nella mattinata di ieri, la Squadra Mobile ha dato esecuzione alla Ordinanza nr. 45453/07 P.M. e nr. 54399/10 G.i.p., che dispone l'aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere, emessa dall'Ufficio G.i.p. presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura Distrettuale, nei confronti di:1.MICILLO Ciro, nato a Maddaloni il 6.3.1979, ivi residente, celibe, agnominato "ciruccio 'o chiatton", pregiudicato, detenuto agli A. A. D. D.;2.DI CAPRIO Michele, nato a Maddaloni (CE) il 18.2.1983, ivi residente, agnominato "'o ciucitt", pregiudicato, detenuto agli A. A. D. D..
I due pregiudicati, imputati per il reato di Associazione finalizzata al traffico di stupefacenti (reati di cui agli artt. 74 e 73 D.p.r. 309/90), con l'aggravante dell'avere agito con metodo mafioso ed al fine di agevolare l'organizzazione di stampo camorristico "FARINA-MARTINO", attiva in Maddaloni (CE) e comuni limitrofi, il 22 febbraio 2010, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli su richiesta della D. D. A., erano stati arrestati dalla stessa Squadra Mobile di Caserta unitamente ad altre 27 persone, tutte organiche ad una articolata associazione dedita al traffico ed allo spaccio di ingenti quantitativi di cocaina ed hascish (c. d. Operazione "Piazza Pulita"). In seguito, dopo essere stati ammessi alla meno coercitiva misura degli arresti domiciliari, i citati MICILLO Ciro e DI CAPRIO Michele, ne avevano ripetutamente violato le prescrizioni, ricevendo visite da parte di soggetti diversi dai familiari conviventi, allontanandosi dalla propria abitazione e mantenendo contatti assidui tra di loro e con persone estranee al loro nucleo familiare. Tali violazioni, accertate attraverso le costanti ed attente attività di monitoraggio del territorio e degli ambienti criminali locali condotte dalla Squadra Mobile di Caserta, comunicate alla magistratura, hanno indotto la Procura Distrettuale a richiedere il ripristino della più grave misura della custodia cautelare in carcere che il Gip presso il Tribunale di Napoli, con la ordinanza eseguita questa mattina, ha tempestivamente emesso ritenendola più idonea a fronteggiare l'esigenza cautelare del pericolo di reiterazione delle condotte criminose contestate ai due pregiudicati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Positivi a scuola, due plessi chiusi per la sanificazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento