menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20110101082147_botole_ftv

20110101082147_botole_ftv

Camorra, caccia ai boss anche a Capodanno: trovato bunker a Casal di Principe usato per nascondere Zagaria

Casal di Principe - Gli agenti della Squadra mobile della questura di Caserta hanno trovato due bunker a Casal di Principe a casa di alcuni parenti di Salvatore Cantiello, detto 'Carusiello', in carcere da diversi anni e arrestato una prima volta...

Gli agenti della Squadra mobile della questura di Caserta hanno trovato due bunker a Casal di Principe a casa di alcuni parenti di Salvatore Cantiello, detto 'Carusiello', in carcere da diversi anni e arrestato una prima volta a dicembre del 1990 nel cosiddetto blitz di Santa Lucia. Il primo bunker è stato trovato in via delle Rose, al civico 4, nel salone dell'abitazione della moglie di Cantiello; il secondo in via Molino, sotto una botola ricavata in cortile della casa del padre dell'uomo.Secondo quanto si è appreso, le botole mobili da cui si accedeva ai bunker erano di uno spessore di oltre sessanta centimetri e in cemento armato.
Per scendere nel covo - ha spiegato il capo della Mobile casertana, il vice questore Angelo Morabito - occorreva rimuovere un blocco di pavimento della casa che scorreva su un binario. All'interno del rifugio, che potrebbe aver ospitato latitanti dei Casalesi, sono state trovate solo due sedie ed un tavolino. Nei due rifugi, costruiti probabilmente all'epoca della latitanza di Cantiello, sono state trovate sedie pieghevoli disposte al centro della stanza. I nascondigli potrebbero essere stati utilizzati dalla 'primula rossa' dei Casalesi, Michele Zagaria, detto "capastorta", e da Mario Caterino, altro latitante eccellente. I bunker sono stati sequestrati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento