menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri in azione, ventiquattro persone nei guai per vari reati

Piedimonte Matese - Nel corso di una serie di operazioni e indagini coordinate dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, ventiquattro persone sono finte nei guai per reati contro la persona ed il patrimonio, e in materia di salute pubblica...

Nel corso di una serie di operazioni e indagini coordinate dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, ventiquattro persone sono finte nei guai per reati contro la persona ed il patrimonio, e in materia di salute pubblica.I militari del Nucleo Operativo e Rabiomobile e quelli delle Stazioni di Piedimonte,Alife,Alvignano e Capriati, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, un 24enne di San Potito Sannitico e un 45enne di Piedimonte Matese per il reato di "stalking". I due in diverse circostanze, anche a mezzo telefono offendevano con frasi oscene e minacciose, le donne con le quali avevano avuto precedenti relazioni sentimentali, si tratta di una 21enne di Piedimonte e una 27enne di Alvignano. Un 22enne di Gioia Sannitica dovrà invece rispondere di minaccia aggravata e molestie sessuali nei confronti di una 40enne di origine inglese, mentre un 49enne di Piedimonte Matese, e seguito di continue percosse e minacce nei confronti della moglie e del figlio, è stato denunciato per il reato di maltrattamenti in famiglia. Per il reato di lesioni personali nei confronti della madre della sua ex fidanzata è invece finito nei guai un 32enne di Alife. La donna picchiata dal giovane ha riportato contusioni varie giudicate guaribili con 5 giorni di prognosi. Un rumeno 25enne è stato denunciato per truffa e frode informatica ai danni di un 19enne di Alife. In pratica ha effettuato un prelievo on-line di 150,00 Euro dalla postepay rilasciata alla vittima dall'ufficio postale di Piedimonte Matese. Una 60enne di Dragoni dovrà invece rispondere di lesioni personali nei confronti di un 36enne, colpito violentemente con una spranga per futili motivi. L'uomo ha riportato contusioni guaribili con 7 giorni di prognosi. Due sorelle di Piedimonte Matese, una 30enne e una 40enne sono state denunciate per continue molestie e minacce nei confronti di un 48enne del luogo, mentre per un'aggressione ad un 50enne di Piedimonte Matese, scaturita a seguito di un sinistro stradale, è stato deferito un 37enne di Alife. Ancora per lesioni personali e minacce nei confronti di una coppia di 80enni di Piedimonte Matese, è stato denunciato un 35enne, loro vicino di casa. Per una rissa scaturita tra di loro, per motivi economici, sono stati denunciati un 26enne, un 30enne e una 29enne tutti di Piedimonte Matese. Ancora per lesioni personali e minacce di morte, un 30enne di Piedimonte e finito nei guai dopo aver aggredito, per futili motivi, due sorelle di 53 e 45 anni, che hanno riportato contusioni guaribili con sette giorni di prognosi. Una denuncia a piede libero è scattata anche per un 65enne di Alife e un 54enne di Piedimonte, anche loro responsabili di lesioni e minacce nei confronti di un 39enne di Piedimonte, che ha riportato contusioni guaribili con 5 giorni di prognosi. L'aggressione è scaturita a seguito di una controversia sulla proprietà di un fondo agricolo. Per truffa è finito nei guai un 33enne della provincia di Bari, che al fine di ottenere un prestito personale di 50.000 Euro, da una banca di Alvignano, aveva apposto una falsa firma, quale garante del prestito, dell'ex suocero, un 60enne di Alvignano, completamente ignaro della vicenda. Un commerciante, 40enne di Alife, si è invece reso responsabile di una truffa ai danni di una 34enne di origine ucraina, intestandogli a sua insaputa 3 utenze telefoniche cellulari.Per motivi igienico sanitari presso un caseificio di Alvignano, sono stati sottoposti a sequestro da parte dei militari del NAS di Caserta decine di quintali di prodotti caseari tenuti in pessimo stato di conservazione e sprovvisti del sistema di rintracciabilità. Il titolare, un 30enne del luogo è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria e Amministrativa. Infine, 3 avvisi di garanzia sono stati notificati per molestie telefoniche, a sfondo sessuale, nei confronti di un 21enne e una 19enne di Piedimonte Matese e di un 20enne di San Potito Sannitico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento