menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20101007130353_COPPOLA_MICHELE

20101007130353_COPPOLA_MICHELE

Estorsioni, in cella cognato del boss Walter Schiavone

Casal di Principe - Nel pomeriggio di ieri la Squadra Mobile di Caserta, coadiuvata da quella di Latina, ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso ed dal fine di agevolare...

Nel pomeriggio di ieri la Squadra Mobile di Caserta, coadiuvata da quella di Latina, ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso ed dal fine di agevolare l'organizzazione criminale denominata "Clan dei Casalesi", Michele Coppola, nato a Casal di Principe il 7.10.1964, resiente a Latina, pregiudicato, cognato di Walter Schiavone, fratello del capo clan Francesco Schiavone, alias Sandokan.
Il provvedimento restrittivo si riferisce a due tentativi di estorsione che sarebbero stati perpetrati dal Coppola al fine di recuperare un credito vantato da un imprenditore edile per la costruzione di alcune villette a Grazzanise.
Questi - secondo la ricostruzione degli inquirenti - non riuscendo ad ottenere dall'acquirente il saldo del prezzo convenuto, corrispondente alla somma di 50 mila euro per il quale venivano emesse delle cambiali, cedeva i titoli ad un suo amico, affinchè intercedesse per recuperare la somma, che sua volta li consegnava a Michele Coppola affinchè provvedesse alla riscossione.
Questi, prima, si rivolgeva al debitore per ottenere la somma, minacciandolo che, in caso contrario, avrebbe fatto "una brutta fine" e, allorchè l'uomo si accordava direttamente con l'imprenditore, pretendeva da questi la somma di trentamila euro per il disturbo ed "il tempo perso".
Michele Coppola, nella circostanza non esitava a rivelare le sue parentele alle vittime, presentandosi come il cognato di Schiavone Walter noto esponente del "clan dei casalesi", fratello di Francesco "Sandokan".

Il Coppola -come riferisce una nota della Questura di Caserta - per gli episodi in argomento, era stato già destinatario di misura cautelare l'11.12.2009, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, a seguito di indagini condotte, anche con il supporto di intercettazioni telefoniche ed ambientali, dalla Squadra Mobile di Caserta e coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Napoli.
La misura restrittiva, però, era stata successivamente annullata dal Tribunale per il Riesame.Contro tale decisione, la Procura Antimafia proponeva motivato ricorso per Cassazione, accolto con rinvio al Tribunale di Napoli che emetteva l'odierna misura restrittiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Muore per Covid dopo il ricovero in ospedale: aveva 66 anni

  • Cronaca

    Diocesi in lutto, è morto don Pietro De Felice

  • Cronaca

    Marito e moglie positivi se ne vanno in giro per strada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento