menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

19 arresti, 50 persone denunciate allAutorit Giudiziaria e decine di sequestri nel mese di settembre

Piedimonte Matese - 19 arresti, 50 persone denunciate e decine di sequestri, questo il bilancio dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese nel mese di settembre appena concluso. Una serie di brillanti operazioni portate a termine dai...

19 arresti, 50 persone denunciate e decine di sequestri, questo il bilancio dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese nel mese di settembre appena concluso. Una serie di brillanti operazioni portate a termine dai militari delle sette Stazioni che hanno competenza territoriale su diciannove comuni dell'alto casertano, Piedimonte, Alvignano, Alife, Ailano, Prata Sannita, Capriati Al Volturno e San Gregorio Matese insieme al personale del Nucleo Operativo e Radiomobile. I 19 arresti eseguiti riguardano prevalentemente persone responsabili di reati contro il patrimonio e la persona, come furti e rapine e reati in materia di immigrazione clandestina. L'operazione più eclatante è stata quella che ha portato alla cattura di due pericolosi banditi responsabili di una rapina a mano armata ai danni di un distributore di benzina nella zona di Ailano.Interessanti anche i risultati relativi alle denunce a piede libero, ben 50 persone dovranno rispondere a vario titolo di reati che vano dall'inquinamento ambientale allo smaltimento illecito di rifiuti, dalla truffa a reati di falsità, dal porto abusivo di armi alle lesioni personali, dai reati in materia di sicurezza stradale a quelli contro la salute pubblica, dai reati in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro ad altri reati contro il patrimonio e la persona. Altre denunce sono scattate nei confronti di soggetti responsabili del reato di "stalking", per detenzione illegale di stupefacenti e per il reato di clandestinità. Nel corso delle operazioni, sono finiti sotto sequestro dieci chilogrammi di stupefacenti, un fucile calibro 12, tre cantieri edili per un valore di oltre mezzo milione di euro, uno studio dentistico composto da più locali per un valore di ottocentomila euro; sottoposti a sequestro anche numerosi veicoli e documenti vari; chiuso un agriturismo per mancanza delle necessarie autorizzazioni amministrative. Infine sono ben dieci i pregiudicati nei cui confronti sono state emesse misure di prevenzione mentre è di oltre ventimila euro il valore della refurtiva recuperata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento