menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100811064710_vigili_fuoco

20100811064710_vigili_fuoco

Fuga di gas dalla rete del metano: crolla una palazzina a Marcianise. Salvi i proprietari, erano al mare

Marcianise - Un boato enorme avvertito in tutti i quartieri della città ha interrotto ieri notte il sonno di molti cittadini di Marcianise. Un palazzo di due piani ubicato in via Lorenzo Perosi, una traversa di Viale della Vittoria, è crollato...

Un boato enorme avvertito in tutti i quartieri della città ha interrotto ieri notte il sonno di molti cittadini di Marcianise. Un palazzo di due piani ubicato in via Lorenzo Perosi, una traversa di Viale della Vittoria, è crollato intorno alle 3 di stanotte. Nessun morto e nessun ferito, in quanto i proprietari dello stabile, Domenico Martone e la moglie Giovanna Pratillo insieme ai figli, erano in villeggiatura in una località marittima. Circostanza, quest'ultima, che ha evitato una sicura strage e che segue gli eventi di cronaca che hanno interessato nei giorni scorsi la tragedia nella vicina Acerra. I proprietari dello stabile sono poi stati avvertiti ed ora si trovano in via Perosi per aiutare le forze dell'ordine a comprendere la dinamica dell'accaduto.A provocare il crollo dello stabile è stata una fuga di gas dalla rete del metano in corcostanze ancora da chiarire e che ora sono al vaglio degli esperti. La violenta deflagrazione ha provocato la rottura dei pilastri portanti di una mansarda che si è abbattuta al piano sottostante. Lo scoppio ha provocato danni e lesioni nel raggio di 150 metri anche alle case adiacenti oltre ad alcune macchine parcheggiate nella strada. Sul luogo del crollo sono accorsi i vigili del fuoco di Caserta, la protezione civile di Marcianise, le forze dell'ordine ed i vigili urbani. La strada è in questo momento transennata perchè potrebbe esserci il pericolo di ulteriori crolli. Sul luogo è accorso anche il primo cittadino Antonio Tartaglione per sincerarsi di persona dell'accaduto, accompagnato dal personale dell'ufficio tecnico del Comune. Tre famiglie sono state costretta a lasciare le loro case per motivi precauzionali, al fine di consentire ulteriori verifiche da parte dei tecnici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Attualità

La Dea bendata bacia il casertano: vinti oltre 33mila euro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento