menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100723074812_gico_finanza

20100723074812_gico_finanza

Le mani dei casalesi sulla ricostruzione post terremoto in Abruzzo: 6 arresti e beni per 100 milioni sequestrati

Casal di Principe - Sei presunti appartenenti al clan dei Casalesi arrestati, 80 perquisizioni eseguite, altre 51 persone denunciate in stato di liberta', beni per 100 milioni di euro sequestrati, 500 militari della Guardia di finanza di Roma in...

Sei presunti appartenenti al clan dei Casalesi arrestati, 80 perquisizioni eseguite, altre 51 persone denunciate in stato di liberta', beni per 100 milioni di euro sequestrati, 500 militari della Guardia di finanza di Roma in forza al Gico impegnati nel corso di una indagine denominata "Gli intoccabili" (dal nome del film degli anni '90 che ebbe come protagonisti Kevin Kostner e Robert De Niro) coordinata dai pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli coordinata dal procuratore aggiunto Federico Cafiero de Raho.

Dopo mesi di indagini gli inquirenti della Dda avrebbero fatto chiarezza sulle "infiltrazioni della camorra casalese nelle commesse per la ricostruzione della città dell'Aquila a seguito del devastante sisma del 6 aprile 2009". I sei arrestati sono Marcello Bianco, di 37 anni, di Casal di Principe, Tullio Iorio, 36 anni, di San Cipriano d'Aversa, Raffaele Bencivenga, 50 anni, di Cesa, Michele Gallo, 37 anni, di Frignano, Luigi Pagano, 40 anni, di Aversa e Angelo Zaccariello, 53 anni, di Frignano. I sei arrestati sono accusati di associazione mafiosa. I 51 indagati sono invece accusati a vario titolo di associazione mafiosa, favoreggiamento, intestazione fittizia di beni ed abusivo esercizio di attivita' finanziaria.
Sono 118 gli appartamenti sequestrati su ordine dei pm della Dda. Sigilli anche a 21 aziende tra le quali una società aquilana attiva nella ricostruzione post sismica. Ci sono anche 33 auto tra i beni finiti sotto sequestro ma tra questi anche dei veri e propri gioielli come una Ferrari, una Daimel Chrysler e un'Audi Q7. Sequestrate anche quote societarie per un valore di circa 600mila euro, decine di rapporti bancari, finanziari e assicurativi, riferibili al sodalizio tuttora ancora in fase di individuazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il blocco autostradale lascia i bambini senza pranzo

  • Cronaca

    Boom di guariti nel casertano, contagi in calo

  • Cronaca

    La Procura sequestra il varco d'ingresso al Lidl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento