menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100403072439_contraffatti

20100403072439_contraffatti

Bigiotteria ed oggettistica taroccata, Gdf sequestra 1.500 oggetti

Caserta - Le fiamme gialle del Comando Provinciale di Caserta continuano a profondere il loro impegno per contrastare la diffusione del dilagante fenomeno della contraffazione, al fine di evitare che la merce immessa sul mercato provochi...

Le fiamme gialle del Comando Provinciale di Caserta continuano a profondere il loro impegno per contrastare la diffusione del dilagante fenomeno della contraffazione, al fine di evitare che la merce immessa sul mercato provochi concorrenza sleale, svantaggi economici per le aziende titolari delle griffe e, soprattutto, danni ai consumatori, indotti all'acquisto di prodotti falsi e non sicuri.
In tale contesto, la Sezione Mobile del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta, unitamente ad altri Reparti del Comando Provinciale, hanno effettuato controlli ad esercizi commerciali della città di Caserta che ponevano in vendita bigiotteria ed oggettistica varia.
L'operazione di servizio consentiva di rinvenire circa 1.500 oggetti - tra collane, anelli, orecchini, bracciali, recanti marchi contraffatti delle più note griffes: chanel, bulgari, louis vuitton, dolce e gabbana, gucci, guess, morellato ed hello kitty.
Gli accertamenti sulla merce illecitamente riprodotta ne hanno evidenziato l'ottima fattura, considerato anche che il confezionamento di ogni oggetto è apparso identico a quello che, solitamente, contraddistingue gli originali. Infatti, tali prodotti venivano regolarmente commercializzati attraverso le ordinarie ed insospettabili reti di vendita.
Nell'ambito delle stesse indagini, i finanzieri riuscivano ad individuare il grossista che riforniva i vari negozi del capoluogo casertano, il cui magazzino si trovava al centro di Napoli e veniva gestito da un cittadino di origine cinese.
Singolare è stata la scoperta delle fiamme gialle che, quando hanno effettuato l'accesso in un insospettabile negozio di oggettistica varia, in vani sapientemente ricavati nelle intercapedini dell'esercizio stesso, occultati dietro a normali espositori di merce, hanno rinvenuto ulteriori 9.500 pezzi contraffatti pronti per essere commercializzati attraverso i normali canali di vendita.

Al termine delle operazioni i finanzieri hanno sottoposto a sequestro tutta la merce rinvenuta e hanno proceduto a denunciare alle Procure della Repubblica di Napoli e Santa Maria Capua Vetere i 6 titolari dei negozi controllati, I. E. di anni 39, T. A. di anni 25, B. S. di anni 39, D. R. di anni 23, S. G. di anni 33, O. C. di anni 26 (tutti di origine partenopea) e il gestore del deposito, Z. X. di anni 33 di origine cinese.
L'operazione si inquadra nel più ampio contesto dell'intensificazione delle attività tese a debellare il fenomeno della contraffazione, settore strategico per l'economia nazionale e si aggiunge a quelle già numerose svolte dai Reparti della Guardia di Finanza di Caserta su tutto il territorio della provincia di Caserta, confermando, ancora una volta, l'impegno profuso quotidianamente dalle Fiamme Gialle a tutela dei cittadini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento