menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100402060856_langella

20100402060856_langella

Operazione 'Pulizie di Pasqua 2010', Nas di Caserta sequestrano 25 quintali di dolci pasquali

Caserta - Nell'imminenza delle festività in corso, i Carabinieri dei 37 NAS dislocati sul territorio nazionale hanno effettuato controlli a tappeto nei confronti di aziende di produzione e commercializzazione di prodotti tipici pasquali. Il...

Nell'imminenza delle festività in corso, i Carabinieri dei 37 NAS dislocati sul territorio nazionale hanno effettuato controlli a tappeto nei confronti di aziende di produzione e commercializzazione di prodotti tipici pasquali.
Il servizio ha comportato 1662 ispezioni nei confronti di altrettante strutture di preparazione e vendita ed ha permesso la rilevazione di 869 irregolarità nei confronti di 575 aziende, dislocate su tutto il territorio nazionale. I militari hanno adottato provvedimenti che vanno dal sequestro della merce alla chiusura immediata dell'attività, fino alla contestazione di pesanti sanzioni amministrative e penali. 648 sono i soggetti segnalati alle competenti Autorità Giudiziarie, Amministrative e Sanitarie.
Il novero delle irregolarità riscontrate è ampio: utilizzo di materie prime scadute (anche da 2 anni) e adulterate; manomissione delle etichette di colombe ed uova pasquali di origine industriale vendute come artigianali; carenze igienico sanitarie e irregolarità nelle procedure di rintracciabilità; cattiva conservazione dei prodotti alimentari.

Le violazioni rilevate hanno condotto i militari operanti a sottrarre alla distribuzione commerciale oltre 270 tonnellate di prodotti dolciari tipici delle festività di Pasqua e di alimenti vari, per un valore totale di oltre 2 milioni di Euro; sequestrate anche migliaia di etichette fraudolentemente utilizzate per la contraffazione di colombe ed uova di cioccolato. Sono 57 le strutture (pasticcerie, industrie dolciarie, attività di produzione e vendita, depositi) alle quali i Carabinieri operanti hanno posto i sigilli perché prive di autorizzazioni o perché carenti sotto l'aspetto igienico sanitario, per un valore che supera i 30 milioni di Euro.
In particolare i NAS di Caserta, cui militari hanno posto i sigilli a 3 impianti frigoriferi e ad un deposito utilizzati da una pasticceria di quella provincia nonostante presentassero marcate irregolarità di carattere igienico sanitario, tali da rendere potenzialmente nocivi gli alimenti ivi contenuti; sequestrati 25 quintali di dolci pasquali e materie prime. Lo stesso Nucleo, al termine di un'ispezione presso un deposito alimentare specializzato nella fornitura di semilavorati a pasticcerie, ha sottoposto a sequestro 40 tonnellate di prodotti conservati in ambienti insalubri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento