menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20081114165018_carabinieri_01

20081114165018_carabinieri_01

Sequestro di 50 milioni al clan dei casalesi gruppo Schiavone

Caserta - E' in corso dalle prime ore di oggi, da parte dei Carabinieri dei Comandi Provinciali di Caserta e di Modena, l'esecuzione di un Decreto di sequestro beni emesso dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della...

E' in corso dalle prime ore di oggi, da parte dei Carabinieri dei Comandi Provinciali di Caserta e di Modena, l'esecuzione di un Decreto di sequestro beni emesso dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia del luogo (Dr. Federico Cafiero de Raho e dr. Raffaello Falcone), nei confronti di numerosi affiliati e fiancheggiatori del clan "dei casalesi" - gruppo Schiavone, operante nella provincia di Caserta e con forti ramificazioni in Emilia Romagna ed in particolare nel modenese.
Le indagini di natura patrimoniale, conseguenti all'esecuzione, il 15 luglio 2009, di 44 ordinanze di custodia cautelare in carcere su tutto il territorio nazionale, condotte dai Carabinieri di Caserta e Modena, costituiscono il prosieguo alla complessa e prolungata attività investigativa che, dal 2005, ha consentito di contrastare le illecite attività poste in essere dalla famiglia Schiavone tra le due province, soprattutto nel campo delle estorsioni ad imprenditori edili originari dell'agro aversano ed operanti nel modenese, nonché nella gestione di sale da gioco clandestine. Il provvedimento, che vede indagate 90 persone, ha consentito di sottoporre a sequestro beni mobili, immobili, quote societarie e conti correnti per un valore di 50.000.000/00 (cinquantamilioni) di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

social

Un grave lutto colpisce il pizzaiolo Francesco Martucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento