menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100219074243_sequestro

20100219074243_sequestro

Operazione anticrimine Carabinieri, 2 persone arrestate e 5 denunciate

Piedimonte Matese - Vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, coordinata dal Capitano Salvatore Vitiello, finalizzata a contrastare vari fenomeni di criminalità, quali il traffico e lo spaccio di droga, reati contro il...

Vasta operazione dei Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, coordinata dal Capitano Salvatore Vitiello, finalizzata a contrastare vari fenomeni di criminalità, quali il traffico e lo spaccio di droga, reati contro il patrimonio e la persona e l'immigrazione clandestina. Ad agire congiuntamente i militari della Stazione di Prata Sannita, con il Maresciallo Giuseppe Sileo ed il Brigadiere Nicandro Papa e quelli della Stazione di Alife, con i Marescialli Giovanni Aceto e Andrea Porto, i quali hanno setacciato i comuni del comprensorio matesino e dei territori limitrofi. Il bilancio dell'operazione é di due persone arrestate, Sidiki Doumbia, 29enne e Edward Impadu, 42enne, e cinque persone denunciate G.G., 36enne, D.J., 30enne, M.T., 28enne, e D.A., 37enne, tutti di origine nord-africana. Sui primi due i Carabinieri hanno scoperto che da oltre un anno pendeva un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, pertanto sono stati dichiarati in stato di arresto per violazione alla normativa vigente sull'immigrazione clandestina, meglio conosciuta come legge "Bossi-Fini". Altri quattro, essendo sprovvisti di regolare permesso di soggiorno, dovranno invece rispondere del reato di ingresso e soggiorno illegale sul territorio dello Stato. Gli arrestati si trovano ora rinchiusi nelle camere di sicurezza dell'Arma, in attesa di comparire nei prossimi giorni, davanti ai Giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per essere processati per direttissima. Ovviamente su tutte le persone coinvolte in questa retata anticrimine dei Carabinieri, sono in corso ulteriori indagini per accertare se siano coinvolti anche in altre attività illegali in "terra di lavoro". Infatti, come sempre più spesso accade immigrati provenienti dai paesi del nord-africa o dell'est-europa vengono coinvolti o sfruttati dalle organizzazioni camorristiche in attività criminali come lo spaccio di droga o la prostituzione, o comunque in condotte di illegalità diffusa, come il commercio abusivo, il contrabbando e la contraffazione. La quinta persona denunciata è un pensionato di Prata Sannita, per l'omessa custodia di un fucile calibro 12, sottoposto a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento