menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100129072236_cassa_coro

20100129072236_cassa_coro

Chiedono pizzo di 6mila euro ad un esercente: 2 arresti

Santa Maria Capua Vetere - Nel pomeriggo di mercoledì, personale del commissariato di Polizia di Stato di S. Maria C. V., diretto dal primo dirigente della polizia di stato Arturo Compagnone, ha tratto in arresto, in flagranza di reato, per...

Nel pomeriggo di mercoledì, personale del commissariato di Polizia di Stato di S. Maria C. V., diretto dal primo dirigente della polizia di stato Arturo Compagnone, ha tratto in arresto, in flagranza di reato, per tentata estorsione, aggravata dall'avere agito al fine di agevolare il clan dei casalesi, i pregiudicati: Giovanni Cassandra, nato a s. Maria c.v. il 14.6.1969 e residente a Capua, con precedenti di polizia; Emilio Coronella, nato a caserta il 24.10.1979 e residente a S. Maria C.V., con precedenti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, falsità in atti, già sottoposto ad avviso orale.
Nei giorni scorsi i due si erano rivolti al titolare di una rivendita di motocicli intimandogli di "mettersi a posto con casale" attraverso il pagamento di una somma di 6 mila euro da consegnare in tre distinte rate, la prima delle quali con scadenza alla prossima pasqua.L'imprenditore con un pretesto prendeva tempo concordando con i due pregiudicati un successivo appuntamento ma denunciando la richiesta estorsiva al locale commissariato di Santa Maria C. V..

In occasione dell'incontro, fissato, appunto, nel pomeriggio di ieri, venivano predisposti servizi di appostamento con personale della polizia posizionato anche all'interno del negozio confuso tra i clienti. Non appena Cassandra si è rivolto all'imprenditore intimandogli nuovamente il pagamento del "pizzo", i poliziotti, che avevano modo di udire direttamente le minacce rivolte al commerciante che si rifiutava di pagare, bloccavano ed arrestavano i due pregiudicati.
Giovanni Cassandra e' genero di Andrea Aversano Stabile, cl. 46 , condannato per associazione di stampo mafioso a 7 anni di reclusione e cognato di Luigi Aversano Stabile, cl. 75, anch'egli arrestato e condannato per 416 bis, entrambi storici referenti del clan dei casalesi nell'area compresa tra i comuni di Capua, santa Maria Capua Vetere, Grazzanize E Santa Maria La Fossa. Lo stesso, in passato era stato oggetto di un provvedimento di divieto di detenzione armi per avere favorito la latitanza dei due congiunti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Scooter contro auto, muore ragazzo di 17 anni

  • Cronaca

    Arrestato il consigliere comunale Danilo D'Angelo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento