menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090319065450_carabinieri_laterale

20090319065450_carabinieri_laterale

Operazioe antidroga: sgominata banda di 8 spacciatori

San Felice a Cancello - Nel pomeriggio di mercoledì 27 gennaio i Carabinieri del Nucleo Operativo di Maddaloni hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 8 persone di San Felice a Cancello, alcune delle quali con precedenti...

Nel pomeriggio di mercoledì 27 gennaio i Carabinieri del Nucleo Operativo di Maddaloni hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 8 persone di San Felice a Cancello, alcune delle quali con precedenti specifici, ritenute a vario titolo responsabili della fiorente attività di spaccio di droghe che avveniva in particolare nella frazione Talanico di quel comune.
All'esito dell'attività d'indagine, coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, 3 persone sono state tratte in arresto: Gagliardi Rino, cl. 1979, e Buono Luigi, cl. 1971, entrambi sottoposti alla custodia cautelare in carcere; mentre Feleppa Gabriella, cl. 1977, è stata sottoposta alla custodia cautelare agli arresti domiciliari. Tutti e tre sono già ben noti alle forze dell'ordine. Altre 5 persone sono state sottoposte alla misura cautelare del divieto di dimora e di accesso nella provincia di Caserta con annesso obbligo di permanenza in casa nelle ore notturne. In sostanza il provvedimento prevede che questi soggetti siano "espulsi" dalla provincia di Caserta, e che non possano farvi rientro senza il permesso del giudice. Essi sono inoltre obbligati a rimanere per tutta la notte all'interno delle abitazioni in cui dimoreranno, fuori provincia. I soggetti investiti dal provvedimento cautelare sono: D.R.F., cl. 1980; M.I., cl. 1980; E.M., cl. 1985; F.G., cl. 1985; B.A., cl. 1980.Il gruppo degli 8 giovani è ritenuto responsabile di aver organizzato e condotto una fiorente attività di spaccio di stupefacenti, soprattutto cocaina e marijuana, in San Felice a Cancello, scegliendo come piazza dello spaccio il quartiere Talanico, dove alcuni di loro abitano.
L'attenzione dei Carabinieri si era concentrata su quel quartiere poiché in varie circostanze, nel corso di controlli eseguiti dai Carabinieri a San Felice a Cancello, erano state controllate persone che provenivano da paesi vicini, non solo della provincia di Caserta, ma anche dalle province di Benevento, Napoli ed Avellino, ed in vari casi erano state perquisite e trovate in possesso di droga asseritamente acquistata per uso personale.In effetti quel quartiere non è certo una zona di passaggio né un luogo ove si trovano attrazioni o punti di ritrovo per i giovani, pertanto l'unico motivo per recarvisi non poteva che essere l'acquisto di stupefacenti. Così i militari hanno iniziato una serie di servizi di osservazione con pedinamenti, controlli, perquisizioni e attività tecniche. L'indagine ha trovato comunque notevoli difficoltà. In più occasioni è stato possibile verificare che i vari soggetti facenti parte del gruppo criminale, a turno, comunicavano l'eventuale presenza in zona di pattuglie dei Carabinieri o addirittura la semplice presenza di autovetture sospette perché non conosciute in zona. In particolare i giovani attendevano i clienti nei pressi di un bar in via Talanico, in posizione predominante sulla strada, così da consentire di osservare chiunque percorra quell'unica via di accesso al quartiere. Ogniqualvolta le vedette di turno riscontravano qualcosa di strano o avvistavano le autovetture normalmente in uso ai Carabinieri, davano l'allarme rendendo vano qualsiasi tentativo d'intervento improvviso. Ci hanno chiuso, è là sopra, ci hanno chiuso.
Sta un'auto giù alla strada... e una altra sopra dove stava l'ex ristorante e stanno tutti con l'auricolare parlano con l'auricolare per non farsi vedere? con i telefoni, hai capito? Si stanno appostando anche nella terra... ci hanno chiuso, ci hanno chiuso! Adesso ho detto ai ragazzi che non dobbiamo dare niente a nessuno! Eh, lasciate perdere tutto, anzi andate via da lì, andate a farvi una passeggiata! Questa è stata una delle conversazioni captate dai Carabinieri nel corso dell'indagine. I militari stavano svolgendo un appostamento conclusosi con un blitz ed una perquisizione in via Paciello, a seguito del quale sono stati rinvenuti circa 60 grammi di cocaina e marijuana, già suddivisi in circa 60 dosi, nonché quasi un migliaio di bustine in cellophane usate per il confezionamento degli stupefacenti, e degli appunti che registravano la contabilità dello spaccio degli stupefacenti per varie migliaia di euro.

Curioso, poi, il linguaggio in codice utilizzato dai membri del sodalizio criminale per indicare gli stupefacenti. Spesso nelle loro conversazioni hanno parlato di scarpe bianche o di scarpe gialle, di tre paia di scarpe 50, di mischiare le scarpe buone con quelle false, evidentemente con riferimento al taglio della sostanza, di prendere "un'altra 40, un paio di scarpe alla piccolina, che ha il piede 40 alla piccolina". Una bambina con un piede 40 non può certo passare inosservata. Altre volte hanno parlato, in modo certamente più esplicito, di tartufo bianco, di pezzi di erba, di roba, o di maria. Anche parlare di "un poco di sciusciata", con riferimento a qualche tiro di coca, appare abbastanza chiaro; così pure come chiedere "una busta di latte da 50 euro". Doveva trattarsi di latte di qualità assolutamente superlativa.Particolare anche una conversazione in cui si disserta dei gusti personali in materia di stagionatura del formaggio, ma il riferimento è evidentemente al colore della cocaina, che tende ad ingiallire man mano che il prodotto perde freschezza e umidità. Ma è giallina o bianca? Il formaggio dico com'è... è buonariello, già si è fatto biondo o è ancora bianco? Ah, come lo voglio io cioè più fresco e più secco... perché più fresco è bianco bianco... hai capito? Giallino, già si è fatto biondo, ma a me mi serve il più secco! A me mi piace quello là più appassito!
Al termine degli adempimenti di rito, Gagliardi Rino e Buono Luigi sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre Feleppa Gabriella è stata sottoposta alla custodia cautelare agli arresti domiciliari a San Giorgio del Sannio. Gli altri 5 giovani membri della banda invece hanno preparato le loro valigie e si sono trovati un posto dove abitare fuori dalla provincia di Caserta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento