menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20091215064419_parma

20091215064419_parma

Operazione Maisonette: Dia sequestra beni per 20 milioni di euro tra Parma e Caserta alla famiglia Zagaria

Caserta - Cinquanta agenti della Direzione Investigativa Antimafia hanno eseguito due decreti di sequestro di beni per 20 milioni di euro, intestati a cinque tra affiliati o prestanome del clan capeggiato dal latitante Michele Zagaria, uno dei...

Cinquanta agenti della Direzione Investigativa Antimafia hanno eseguito due decreti di sequestro di beni per 20 milioni di euro, intestati a cinque tra affiliati o prestanome del clan capeggiato dal latitante Michele Zagaria, uno dei capi della cosca dei casalesi. I beni consistono in immobili, titoli e quote societarie. L'operazione si è svolta nel casertano, a Massa Carrara, Parma e Cremona. Il decreto di sequestro è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su proposta del Direttore della D.I.A. di Napoli Generale Girone.
I beni consistono in una società la "Nuova Italcostruzioni Nord Srl", situata a Parma. Sequestrati anche due appartamenti e una villa a schiera con box per otto posti auto. Ancora a Parma sequestrato un appartamento, quote del fondo comune monetario Pioneer, obbligazioni "Bei traguardo", obbligazioni Unicredit, e varie polizze per un valore complessivo di oltre 700mila euro e Cct per 130 mila euro. Sequestrata a Parma anche la ditta individuale "Bazzini Aldo" e la "Maisonette immobiliare", il complesso "Residence Magawly" e il complesso "Residence Lisoni".

A Massa Carrara è stato sequestrato il complesso "Antica Marina". Ad Andrea Bazzini, suocero di Pasquale Zagaria, condannato per associazione mafiosa, sono stati sequestrati anche a Parma un appartamento e due garage.
L'operazione si chiama "Maisonette", prende il nome da una società immobiliare di Parma bloccata dal gip di Napoli nel 2006 e dissequestrato nel 2007. Considerata ormai immune da ogni rischio, tutti i beni di altre società sotto sequestro furono inserieti nell'ambito di Maisonette, come in un porto franco, al riparo di possibili azioni giudiziarie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento