menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20091030071648_droga_carabinieri

20091030071648_droga_carabinieri

Estorsione, lesioni, minacce: sette persone nei guai

Piedimonte Matese - Nel corso di una serie di operazioni coordinate dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese e condotte dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e da quelli delle Stazioni di Piedimonte, Alife e Alvignano, sette...

Nel corso di una serie di operazioni coordinate dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese e condotte dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e da quelli delle Stazioni di Piedimonte, Alife e Alvignano, sette persone sono finite nei guai per vari reati, tra i quali quelli di estorsione, lesioni, minacce e porto abusivo di armi. La prima persona nei cui confronti è scattata una denuncia all'Autorità Giudiziaria da parte dei Carabinieri di Piedimonte Matese è F.I., 80enne, residente a Gioia Sannitica, in località Auduni, il quale per futili motivi, minacciava di morte una sua vicina di casa con una pistola, risultata una replica di un'arma autentica, calibro 8. La pistola è finita sotto sequestro, mentre per F.I. è stata richiesta una ordinanza di custodia cautelare per minaccia a mano armata. A Piedimonte, in località Sepicciano, P.N., 40enne, è stato denunciato per lesioni personali e danneggiamento, ai danni di una coppia di coniugi. Per futili motivi li ha aggrediti, provocandogli contusioni varie, giudicate guaribili con tre giorni di prognosi, danneggiando inoltre un veicolo di loro proprietà. Ad Alife, i militari della locale Stazione hanno proceduto ad emettere una denuncia nei confronti di un 20enne del posto, il quale attraverso continue intimidazioni e aggressioni anche fisiche, si faceva consegnare da un ragazzo 17enne, somme di denaro e monili in oro appartenenti al suo nucleo familiare. I reati contestati sono quelli di estorsione, lesioni e minaccia. Nella vicenda è coinvolta anche un'altra persona che avrebbe minacciato la vittima affinché non rivelasse nulla in merito al'estorsione subita. I militari della Stazione di Alvignano, hanno invece denunciato una coppia di coniugi, che a seguito di una violenta lite scoppiata tra di loro, alla presenza dei propri bambini, sono finiti entrambi in ospedale riportando varie lesioni. Infine sempre ad Alvignano è scattata una misura di prevenzione che prevede il foglio di via obbligatorio, con l'ordinanza del divieto di ritorno per la durata di tre anni, nei confronti di un nomade, 28enne, sul quale risultavano precedenti penali, sorpreso dai militari nei pressi di alcune abitazioni del centro cittadino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento