menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20091113073433_pascarellafilippo

20091113073433_pascarellafilippo

'Aspirante Nerone' in arresto per tentato incendio di auto

Santa Maria a Vico - Nella serata di mercoledì 11 novembre i Carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico hanno tratto in arresto Filippo Pascarella, giovane 35enne di Cervino ben noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un ordine di...

Nella serata di mercoledì 11 novembre i Carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico hanno tratto in arresto Filippo Pascarella, giovane 35enne di Cervino ben noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il giovane aveva subito una condanna a 3 anni e 2 mesi di reclusione dopo il suo arresto per detenzione a fini di spaccio di quantitativi cospicui di cocaina e hashish, avvenuto nel 2006 ad opera dei Carabinieri; ma successivamente aveva ottenuto l'affidamento in prova ai servizi sociali, beneficio concesso dal Tribunale di Napoli nel maggio 2008 come misura alternativa alla detenzione. Ora, a seguito delle accuse formulate nei suoi confronti dai Carabinieri per il reato di tentato incendio, il beneficio dell'affidamento in prova ai servizi sociali è stato revocato e sostituito con la detenzione in carcere.

L'attentato incendiario per cui si procede risale allo scorso luglio, quando a Durazzano si era verificato un tentativo d'incendio di due autovetture. Nella circostanza un giovane si era fatto accompagnare da alcuni complici a Durazzano e lì, una volta sceso dall'auto su cui viaggiava, si era avvicinato a due vetture in sosta con una bottiglia tra le mani. I proprietari delle auto, intuendo cosa stesse per accadere, sono usciti di casa precipitandosi in strada nel tentativo di fermarlo, cosicché il giovane sconosciuto si è dato alla fuga in auto con i suoi complici, abbandonando la bottiglia sul posto.
I Carabinieri di Sant'Agata dei Goti, una volta intervenuti, hanno costatato la presenza in terra di una bottiglia di plastica da 2 litri, con all'interno circa mezzo litro di benzina, e di tracce del liquido infiammabile sull'asfalto, dopodiché hanno proceduto agli accertamenti tecnici sul luogo dei fatti ed al sequestro della bottiglia incendiaria. Nell'immediatezza dei fatti le ricerche dell'auto con cui i malviventi erano fuggiti avevano dato esito negativo, ma le tracce e le informazioni raccolte hanno consentito di orientare correttamente le indagini, condotte dai Carabinieri di Sant'Agata dei Goti in cooperazione con la Stazione Carabinieri di Santa Maria a Vico, per la quale il Pascarella era soggetto ben noto. In breve tempo il giovane è stato individuato quale responsabile dell'attentato incendiario, e sono tuttora in corso le investigazioni tese ad identificare i suoi complici ed a chiarire in modo univoco il movente del gesto delittuoso. Il Pascarella, intanto, noto come "figlio del camposantaro di Cervino", forse cerca di guadagnarsi un nuovo soprannome più altisonante ? ma per beffardo contrappasso, anziché "scaldare" le auto degli altri con la benzina, dopo l'arresto è stato tradotto "al fresco", presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mille “furgoni lumaca” in autostrada contro le chiusure

  • Cronaca

    Nuovi 228 positivi scoperti nel casertano. Morti 3 pazienti

  • Attualità

    Senatore casertano positivo al coronavirus

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento