rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca Sessa Aurunca

Incidente Domiziana, Padre Rungi propone decalogo

Sessa Aurunca - Dopo il drammatico incidente stradale sulla Statale Domiziana che ieri ha causato 5 morti, padre Antonio Rungi, torna sul dramma dei morti sulla strada e da appello a tutti gli auotomobilisti perché guidino saggiamente e...

Dopo il drammatico incidente stradale sulla Statale Domiziana che ieri ha causato 5 morti, padre Antonio Rungi, torna sul dramma dei morti sulla strada e da appello a tutti gli auotomobilisti perché guidino saggiamente e prudentemente soprattutto in occasione del ferragosto. Facendo propri i continui richiami del Santo Padre di Benedetto XVI, sulla sobrietà e vigilanza nella guida, il teologo morale campano, padre Antonio Rungi ha fissato in «dieci regole di comportamento morale il modo di agire di un automobilista saggio e prudente ». "Non verremmo più piangere vittime della strada, perché in linea di massima si possono evitare con una condotta di guida equilibrata e matura", afferma padre Rungi. Ecco il decalogo del saggio ed equilibrato automobilista dei nostri giorni.
1) Nella guida sii attento e vigilante, evitando di utilizzare strumentazione di ogni tipo,che ti deconcentrano dalla guida e dalla responsabilità che hai verso te stesso e verso gli altri.
2) Non far uso di alcuna sostanza o bevanda che possa alterare il tuo normale stato fisico e psichico, per dare sicurezza a te e agli altri nei tuoi viaggi.
3) Evita ogni tentazione di andare veloce su strade principali e secondarie, perchè le cause frequenti di incidenti con morti e feriti gravi sono da attribuire proprio l'alta velocità, come purtroppo si sta verificando continuamente.
4) Osserva il codice della strada nei minimi particolari, soprattutto nei centri abitati o nelle zone di maggiore traffico. Non fare il furbo e lo scriteriato quando pensi di non essere conrollato.
5) Proteggi i bambini e i passeggeri che sono sul tuo autoveicolo con tutti i sistemi di sicurezza della tecnologia moderna. Investire in sicurezza premia sempre.
6) Non metterti in viaggio se sei stanco, nervoso ed agitato o sottopressione per motivi di stress di ogni genere o se c'è l'urgenza di arrivare nei luoghi dove devi andare. Dopo pranzo o cena, non metterti subito alla guida, digerisci prima.
7) Scegli di viaggiare in condizioni meteorologiche più adatte, soprattutto se si tratta di lunghi e faticanti viaggi.
8) Non gareggiare con altri sulle strade, soprattutto se hai macchine ed auto potenti, pensando che ti trovi su un circuito automobilistico e puoi correre senza rispettare regole.
9) Non rispondere a provocazioni mentre sei sulla strada e guida la tua auto con tranquillità e serenità, non dando importanza agli esibizionisti della strada.
10) In caso di incidente fermati subito e soccorri quanti hanno bisogno di aiuto, soprattutto se sei stato tu a causare il danno.
«A queste regole civili aggiungerei- afferma padre Rungi- anche un costante pensiero rivolto a Dio con la preghiera per chi crede e farei dei miei viaggi un tempo di preghiera e di serena riflessione sulla parola di Dio, soprattutto se in macchina ci sono viaggiatori che credono e pregano. Ogni viaggio per me -conclude il teologo- dovrebbe essere un breve o lungo pellegrinaggio, affidandosi alla protezioni di Dio e dei Santi. A nulla valgono le benedizioni delle auto e le immagini sacre che esponiamo sui parabrezzi o sui vetri delle auto se poi ci comportiamo che se Dio non esistesse e la morte non sia in agguato soprattutto sulle strade pericoloso e rischiose come tante che ne ne sono in Italia. Domiziana docet. Almeno al Ferragosto evitaimo lutti e tragedie sulle strade».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Domiziana, Padre Rungi propone decalogo

CasertaNews è in caricamento