rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Atto di intolleranza alla IIa Municipalit

Napoli - Anonimi come la viltà che li caratterizza, maschi o femmine non importa.Sono solo violenti ed ignoranti personaggi abietti alla società civile.Noi, omosessuali e trans siamo abituati, purtroppo, ai soliti atti diterrorismo sociale e...

Anonimi come la viltà che li caratterizza, maschi o femmine non importa.Sono solo violenti ed ignoranti personaggi abietti alla società civile.Noi, omosessuali e trans siamo abituati, purtroppo, ai soliti atti diterrorismo sociale e psicologico da parte di sconosciuti ma anche da partedei sedicenti amici o parenti.C'indignamo ma non ci sconvolgiamo.Nonostante ciò, ancora troppe volte, gay lesbiche e trans sono umiliati incasa o fuori casa, da genitori o da amici "cattivi" , ma la cosaintollerabile è quando anche le Istituzioni democratiche sono "cattive" coni più deboli.Questo, avviene perché "la differenza" degli omosessuali e delle trans non èriconosciuta ancora come non riparata, nonostante le persecuzioni e glistermini dimenticati.Ecco, perché, i Ken con il patrocinio del Comune di Napoli organizzerà anchequest'anno attività ed incontri con la città e nelle scuole sul tema dell'Omocausto ( lo sterminio nazista dei Gay)a cui invitiamo la Signora Romanoa partecipare.Lo faremo anche nella IIa Municipalità di Napoli con la partecipazione delM.I.T. Napoli, di Arcilesbica Napoli (coordinamento campano GLT)e con lacollaborazione straordinaria di Libellula 2001 - ArciTrans e del circoloAnthias di Napoli.Speriamo che, il presidente Patruno e all'assessore Esposito ( come lamaggioranza in Consiglio Comunale di Napoli e dell'assessoreValente),comprendino il "sano" valore della critica da noi esercitata neiloro confronti per il merito della Consulta Pari Opportunità (di cui i Kenfa parte) che è portatore di omofobia non manifesta.La Consulta è incapace - per come è stata regolamentata - di esprimeremodernità e reali esigenze sociali per una convivenza civile tra ledifferenze ( non solo di genere) ma anche di orientamenti sessuali e diidentità di genere. Negare ciò, significa avallare l'intolleranza e laviolenza di chi ci vorrebbe " cacciati" e perché no, arsi ancora una volta.Invitiamo, quindi tutti ad una rapida modifica del regolamento istitutivoinserendo come previsto anche dal piano d'azione per l'anno europeo dellepari opportunità 2007, non di fatto, ma di diritto, tutte le categorieescluse ( gay lesbiche e trans comprese).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atto di intolleranza alla IIa Municipalit

CasertaNews è in caricamento