menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attentato a Pascarella: solidarieta' dal Sig

Pignataro Maggiore - A poche ore dalla grave intimidazione contro il responsabile della cronacanera del quotidiano “Il Giornale di Caserta”, Carlo Pascarella, giornalistaprofessionista di Caserta, originario di Pignataro Maggiore, terra dellacosca...

A poche ore dalla grave intimidazione contro il responsabile della cronacanera del quotidiano "Il Giornale di Caserta", Carlo Pascarella, giornalistaprofessionista di Caserta, originario di Pignataro Maggiore, terra dellacosca Lubrano-Ligato-Nuvoletta, giunge la solidarietà dell'associazioneonlus "Sig" (Sezione Investigazioni Giornalistiche), l'osservatorio sullacamorra di Caserta e provincia, attraverso le parole della vicepresidenteRosaria Ventre: "L'incendio del tir del mobilificio di proprietà dellafamiglia Pascarella, avvenuto questa notte a Vitulazio, è un atto gravissimoche punta a fermare le denunce di un cronista da tredici anni impegnato conil suo lavoro in una ferrea battaglia anticamorra, soprattutto nella suazona di origine, Pignataro Maggiore, feudo del clanLubrano-Ligato-Nuvoletta. Come Sig - dice la vicepresidente Rosaria Ventre -esprimiamo la nostra solidarietà al giornalista che sappiamo essere sottoprotezione della Polizia di Stato da tre mesi circa dopo aver denunciato piùvolte le minacce subite dal boss di Pignataro Maggiore Pietro Ligato, figliodel padrino Raffaele (ergastolano detenuto, uno degli autori dell'omicidioImposimato). Il sacrificio del giornalista Giancarlo Siani del Mattino,vittima della camorra e dello stesso clan che oggi sta intimidendo CarloPascarella - continua Ventre - ci fanno ritenere che, nonostante la recentescomparsa del "vecchio" capomafia Vincenzo Lubrano, l'area di PignataroMaggiore e dell'hinterland è ancora in balia della camorra. A Pascarella e atutti i cronisti che si occupano di cronaca nera con coraggio noi diciamoche saremo al loro fianco a combattere la camorra, ora più che mai, ed inparticolare la cosca mafiosa pignatarese. Chiediamo alle forze dell'ordine ealla magistratura di tenere conto di quanto sta accadendo in quella zona aidanni di Pascarella e di pensare ai rischi che lo stesso sta correndo peradottare tutte le misure necessarie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tasso positività schizza al 14%, nel casertano 276 nuovi casi

  • Cronaca

    Contagi troppo alti, scuole chiuse un'altra settimana

  • Cronaca

    Cocktail, birre e assembramenti: chiuso noto locale della movida

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento