Pusher col reddito di cittadinanza arrestato: aveva 200mila euro di marijuana in auto

Lo spacciatore viaggiava a bordo della propria autovettura in direzione Roma in compagnia di una coetanea (denunciata a piede libero)

La droga sequestrata dalla guardia di finanza

I Baschi Verdi della compagnia pronto impiego della guardia di finanza di Aversa, coadiuvati dalle unità cinofile, hanno tratto in arresto G.P., 32nne romano, e sottoposto a sequestro circa 17 chili di marijuana. Il 32enne, che viaggiava a bordo della propria autovettura in direzione Roma in compagnia di una coetanea, anch’ella romana, è stato intercettato a Marcianise, all’altezza della barriera dei caselli autostradali di “Napoli Nord”.

I finanzieri, insospettiti dal crescente stato di agitazione del conducente, provvedevano ad ispezionare accuratamente l’autovettura e, grazie all’ausilio delle unità cinofile ed al fiuto dei cani antidroga, rinvenivano circa 16 chilogrammi di marijuana confezionati in sacchi termosaldati e abilmente occultati in un vano nascosto del bagagliaio. Al fine di acquisire ulteriori fonti di prova, venivano immediatamente attivati i reparti del corpo competenti su Roma e Tivoli, località di residenza dei due soggetti fermati, per procedere alle perquisizioni domiciliari presso le relative abitazioni. All’esito delle attività di polizia giudiziaria, nel domicilio dell’uomo, venivano rinvenuti un ulteriore chilogrammo di marijuana ed una bilancia di precisione, a riprova dell’abituale attività di spaccio posta in essere dal medesimo.

Il Pm di turno presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, informato dei fatti e valutati i numerosi precedenti specifici di polizia a carico dell’uomo, ha disposto l’arresto dello stesso e la sua traduzione presso la locale casa circondariale. Denunciata a piede libero la donna trovata a bordo dell’auto. I successivi accertamenti tramite le banche dati in uso alla guardia di finanza permettevano, inoltre, di accertare che il soggetto tratto in arresto beneficiava anche del reddito di cittadinanza. La sua posizione veniva, quindi, comunicata ai competenti uffici dell’Inps e all’Autorità Giudiziaria per le previste sanzioni penali e l’immediata decadenza dal beneficio, in modo da procedere al recupero delle somme nel frattempo indebitamente percepite. La sostanza stupefacente complessivamente sequestrata, rivenduta nelle “piazze di spaccio” della Capitale, avrebbe fruttato circa 200mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento