rotate-mobile
Cronaca Casapesenna

La ‘santificazione’ dei fratelli Diana. “Volevano far arrestare un affiliato per diventare paladini della legalità”

L’inquietante retroscena svelato dal pentito Pellegrino: “Poi decisero di assumere i parenti delle vittime di camorra”

Un’opera di ‘santificazione’ per diventare paladini della legalità. E’ quella che avrebbero studiato i fratelli imprenditori di Casapesenna Antonio e Nicola Diana per sviare ogni possibile dubbio su un loro collegamento con l’organizzazione criminale guidata da Michele Zagaria. E per realizzare questo progetto avrebbero anche chiesto al capoclan di ‘sacrificare’ qualche uomo, facendolo arrestare in seguito ad una loro denuncia.

A raccontare questo episodio è un pentito dei Casalesi, Attilio Pellegrino, cassiere del gruppo Zagaria. “Quando fui scarcerato venne il ragioniere del ‘repezzato’ e mi disse che il suo datore di lavoro aveva bisogno di far arrestare per estorsione qualcuno e mi chiedeva di sacrificare qualcuno. Mi disse che il repezzat mandava a dire a noi del clan Zagaria che aveva bisogno di presentarsi alle forze dell’ordine come un imprenditore modello ed espressione della legalità e quindi doveva denunciare qualcuno”.

Pellegrino, stando al suo racconto ai magistrati, avanzò la richiesta personalmente a Michele Zagaria, parlandogli col ‘sistema dei citofoni ma ricevette un diniego dal capoclan. “Mi disse che era un’idea assolutamente improponibile in quanto non potevamo far arrestare nessuno e che occorreva studiare qualche altra soluzione” ha spiegato Pellegrino. Soluzione che, poi, effettivamente fu trovata, stando al racconto del pentito: “Dopo qualche tempo mi dissero che avevano effettivamente posto in essere un’idea alternativa: l’assunzione delle persone vittime o parenti delle vittime di camorra così da presenterai come un paladino della legalità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ‘santificazione’ dei fratelli Diana. “Volevano far arrestare un affiliato per diventare paladini della legalità”

CasertaNews è in caricamento