Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Pizzo al costruttore, blitz contro la ‘Nuova gerarchia dei Casalesi’

Due esponenti del clan in manette per l'estorsione ad un imprenditore

Militari del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa, unitamente al Comando dell’Arma territorialmente competente, nella serata di lunedì a Scauri (Latina) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 2 indagati per estorsione aggravata dalle modalità mafiose nell’ambito di una indagine coordinata dai magistrati della DDA di Napoli.

Il provvedimento scaturisce da una più ampia attività investigativa avviata nei confronti del gruppo criminale denominato “nuova gerarchia del clan dei Casalesi” riconducibile alla fazione Bidognetti del clan, che ha permesso, attraverso diversi elementi di colpevolezza nell’ambito di un solido quadro indiziario, già confermato con una sentenza di primo grado di condanna, di scardinarne l’intera struttura criminale.

Nel corso dell’intera indagine è stata accertata la consumazione di numerose estorsioni e intimidazioni in danno di imprenditori e commercianti attivi nel comune di Parete e del Litorale Domitio, attuata mediante la forza intimidatrice derivante dall’appartenenza alla “nuova gerarchia del clan dei Casalesi” ed anche dalla disponibilità, nota alle vittime, di numerose armi a disposizione degli affiliati, tutte sottoposte a sequestro nel corso dell’attività investigativa.

Il provvedimento attiene ad una protratta azione estorsiva consumata nella primavera del 2017 nei confronti di un imprenditore edile che aveva in corso opere di ristrutturazione di un condominio sul Litorale Domitio. I destinatari del provvedimento sono Maria Fazzone, 43enne di Capua, e Francesco Pugliese, 41enne di Mugnano di Napoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzo al costruttore, blitz contro la ‘Nuova gerarchia dei Casalesi’

CasertaNews è in caricamento