Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Castel Volturno

Spari per un 'portoncino conteso', esce dal carcere dopo la condanna

Arresti domiciliari fuori Regione per Nicola Ferone. Sta scontando una condanna di 7 anni di reclusione per il tentato omicidio di due immigrati

Arresti domiciliari fuori Regione per Nicola Ferone finito sotto processo e condannato poichè esplose diversi colpi di arma da fuoco contro due extracomunitari a Castel Volturno il 14 marzo 2023.

E’ quanto disposto dal gip Rosaria Dello Stritto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere dopo aver accolto l’istanza di sostituzione della misura cautelare, avanzata dal legale di Ferone, l’avvocato Ferdinando Letizia. A Nicola Ferone, per il tentato omicidio, sono stati inflitti 7 anni di reclusione; 6 anni di reclusione Stefano Ambrosino; a 5 anni ed 1 mese di reclusione Matteo La Pica, i suoi ‘complici’. Pene più 'soft' rispetto a quelle invocate dalla Procura, complessivamente 39 anni. L’accusa è stata per tentato omicidio con l'aggravante dei futili motivi, detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo, detenzione e porto abusivo di oggetti atti a offendere.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti i tre nella serata del 14 marzo 2023, si sarebbero recati in via Terani a Castel Volturno presso l'abitazione delle vittime, O.O. e I.A . Nicola Ferone indossava guanti in lattice e impugnava una pistola di piccolo calibro, Ambrosino e La Pica, armati di mazze da baseball. Nacque una discussione per futili motivi tra O.O. e Ferone per via della restituzione di un portoncino in ferro e di una finestra in legno che l'immigrato rivendicava dopo un furto presso la sua abitazione. Ferone da una distanza di 4 metri sparò in direzione di O.O. un colpo d'arma da fuoco che la vittima riuscì a evitare perché si lanciò nel giardino attiguo alla propria abitazione. Da una distanza di un metro, invece, esplose dei colpi d'arma da fuoco in direzione di I.A. che sopraggiunse in soccorso dell'amico, colpendolo di striscio a una spalla bucandogli il giubbotto che il malcapitato indossava.

I tre fuggirono a bordo di una Fiat Panda e nella fuga continuarono a esplodere colpi all'indirizzo dei connazionali delle vittime accorsi in loro aiuto. Vennero intercettati da una volante della polizia di Stato.

All'esito di indagini vennero sottoposti Ferone alla misura cautelare della custodia in carcere presso la casa di circondariale di Santa Maria Capua Vetere; Ambrosino e La Pica quella degli arresti domiciliari. L'arma del delitto non è stata ritrovata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari per un 'portoncino conteso', esce dal carcere dopo la condanna
CasertaNews è in caricamento