rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca Casal di Principe

Retata contro i Casalesi: si costituisce uno degli indagati irreperibili

Spada si era trasferito in Svizzera. E' stato fermato in stazione

Si è costituito, ai carabinieri di Aversa, Giuseppe Spada, alias o zingaro, assistito dal suo legale, l'avvocato Tammaro Diana. L'uomo è destinatario di una misura cautelare in carcere a firma del gip Vera Iaselli del Tribunale di Napoli nell'ambito dell'indagine della Dda sulla riorganizzazione del clan dei Casalesi in particolare della fazione Schiavone e Bidognetti. 

Spada si era trasferito in Svizzera e perciò irreperibile al momento dell'esecuzione delle 37 misure cautelari per ben 45 indagati. L’uomo è stato prelevato alla stazione ferroviaria di Napoli, dove era appena giunto in treno proveniente dal nord Italia. L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Napoli Secondigliano

Altri 5 indagati risultano essere irreperibili. Nel corso delle indagini è emerso come il gruppo di Bidognetti eserciterebbe il controllo delle attività delle agenzie di onoranze funebri dell’agro aversano, in virtù di accordi criminali stretti già negli anni ’80, attraverso un “consorzio di imprese”, che è stato sottoposto a sequestro; condurrebbe attività usuraie (con la cessione di somme di denaro in favore di imprenditori e cittadini, che, sebbene in condizioni di forte difficoltà economica, si sarebbero visti applicare tassi d’interesse finanche del 240%); avrebbe avuto la disponibilità di armi attraverso le quali avrebbe espresso la propria forza intimidatrice per assicurarsi il controllo del territorio.

Oltre al reato associativo, a carico di esponenti delle due fazioni sono stati contestati reati fine quali estorsioni in danno di numerosi operatori commerciali (al fine di piegarne la volontà, un imprenditore sarebbe stato attinto alle gambe da colpi d’arma da fuoco), traffico di sostanze stupefacenti e contestuale controllo dell’attività di cessione di droga realizzato da terzi soggetti, che sarebbero stati costretti a versare denaro a esponenti del clan per garantirsi la gestione delle piazze di spaccio

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Retata contro i Casalesi: si costituisce uno degli indagati irreperibili

CasertaNews è in caricamento