Arrestato lo stalker casertano di Giorgia Meloni

L'uomo, fermato in treno, voleva incontrarla di persona: riteneva di essere il padre della figlia

La leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni

Perseguitava da mesi sui social la leader di Fratelli d’Italia, provando anche ad incontrarla di persona a Roma. È stato arrestato alla stazione Termini lo stalker casertano di Giorgia Meloni, fermato ieri dopo essere sceso da un treno alla stazione della Capitale. 

Secondo quanto ricostruito lo stalker, N.R., di Trentola Ducenta, era passato dall'insistente invio di messaggi sui social fino alla convinzione di essere il padre della figlia della deputata. "Sono il padre di tua figlia, arrivo a casa tua", tra i messaggi inviati e ricevuti.

Questo, infatti, era alla base del suo viaggio nella Capitale. Viaggio, come riporta RomaToday, finito con l'incontro al binario con la polizia ferroviaria, che lo ha identificato e quindi fatto risalire sul treno verso casa. L'uomo, che ha ammesso il motivo della sua presenza a Roma, è indagato per il reato di "atti persecutori", sorvegliato speciale dalla polizia e  posto dalla Digos della Questura di Roma agli arresti domiciliari

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini, condotte dalla Digos romana, sono partite per acclarare l'identità dell'autore di numerosi messaggi inquietanti, di natura minatoria e diffamatoria inviati sul profilo Facebook di Meloni. Le pattuglie del Compartimento Polizia Ferroviaria e della Digos di Roma, in due occasioni, avevano giù fermato l'indagato alla stazione Termini con l'uomo che aveva raccontato di essere a Roma "per andare a cercare l'abitazione del presidente del partito Fratelli d'Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento