Il finto militare arrestato con l'accusa di resistenza aggravata

Lamonica è piantonato in ospedale dopo aver seminato il panico nel rione Tescione: la polizia gli ha sparato dopo che il 41enne ha puntato una finta arma contro gli agenti

La zona in cui è avvenuta la sparatoria in via vescovo Natale

È accusato di resistenza aggravata Gianfranco Lamonica, l’uomo che poco dopo le 13 di mercoledì ha minacciato di seminare il panico nel rione Tescione, brandendo una pistola poi rivelatasi finta. 

GUARDA IL VIDEO

Il 41enne da ieri sera è agli arresti in ospedale a Caserta, dove è piantonato stabilmente dalle forze dell’ordine dopo esser stato raggiunto da tre colpi di pistola sparati da un poliziotto a seguito del tentativo fallito di mediazione, mentre Lamonica si era barricato in un bar di via vescovo Natale. 

Il “sergente”, come tutti lo conoscevano, si è scoperto da successive indagini della Squadra Mobile di Caserta che viveva una “vita fasulla”: pur andando spesso in giro nel quartiere con vestiti mimetici, la divisa dell’esercito l’aveva realmente indossata per il solo anno di leva. Nel quartiere e sui social invece il 41enne si ‘vantava’ di missioni all’estero, di aver far fatto parte del noto reparto della ‘Folgore’, tutte circostanze inventate di sana pianta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento