Rolex e profumi per i detenuti, arrestati due agenti penitenziari

Si facevano pagare per portare in cella i beni 'illegali'

Hanno fatto entrare illegalmente nel carcere napoletano di Secondigliano dalle radio ai profumi, fino a rasoi e Rolex. Per questo due assistenti capo della polizia penitenziaria sono stati arrestati a posti ai domiciliari su ordine del gip del tribunale di Napoli Roberta Attena.

Come riporta ‘Cronache di Caserta’ i due agenti penitenziari, Gianni F., 52enne di Santa Maria Capua Vetere, e il 53enne di Aversa Luigi F., avrebbero portati i beni illegali in cambio di 350 euro a Ferdinando Puca, all’epoca recluso nel carcere napoletano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • Joseph Capriati operato in ospedale. Ricostruita la lite in casa col padre

  • Scuole chiuse, altri 3 sindaci firmano l'ordinanza di proroga

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

Torna su
CasertaNews è in caricamento