Rolex e profumi per i detenuti, arrestati due agenti penitenziari

Si facevano pagare per portare in cella i beni 'illegali'

Hanno fatto entrare illegalmente nel carcere napoletano di Secondigliano dalle radio ai profumi, fino a rasoi e Rolex. Per questo due assistenti capo della polizia penitenziaria sono stati arrestati a posti ai domiciliari su ordine del gip del tribunale di Napoli Roberta Attena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riporta ‘Cronache di Caserta’ i due agenti penitenziari, Gianni F., 52enne di Santa Maria Capua Vetere, e il 53enne di Aversa Luigi F., avrebbero portati i beni illegali in cambio di 350 euro a Ferdinando Puca, all’epoca recluso nel carcere napoletano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Troppi contagi: "Marcianise sarà dichiarata zona rossa"

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento