rotate-mobile
Cronaca

Consiglio di stato ferma l'appalto da 7 milioni: "No alla stipula del contratto"

Accolta la richiesta cautelare della Appalti Di Bello contro l'aggiudicazione alla Palma 73

Il consiglio di stato 'ferma' la stipula del contratto per l'appalto da 7 milioni di euro riguardante la riqualificazione del lotto B1 del complesso residenziale di 'Parco Primavera' a Tuoro. 

I giudici di Palazzo Spada - presidente Paolo Giovanni Nicolo' Lotti - hanno accolto il ricorso della ditta Appalti Di Bello, rappresentata dall'avvocato Renato Labriola, che aveva impugnato il rigetto della domanda cautelare da parte del Tar Campania. Per la quinta sezione del Consiglio di Stato "i motivi proposti e le questioni prospettate richiedano un più approfondito esame da svolgere nella competente sede di merito", si legge nel verdetto. 

"Nelle more, nella valutazione comparativa degli interessi in relazione delle rispettive esigenze cautelari appare prevalente quello dell’appellante - proseguono - L’appello cautelare va accolto nei limiti dell’interesse appena richiamato, ai soli fini cioè dell’inibitoria alla stipulazione del contratto", concludono.

La ditta Appalti Di Bello ha impugnato gli atti di gara dinanzi ai giudici amministrativi. In pratica, secondo l'appellante, la commissione di gara da un lato avrebbe riammesso la Palma 73, in un primo momento esclusa e poi risultata aggiudicataria provvisoria, e dall'altro aveva escluso l'Appalti Di Bello, prima aggiudicataria e poi esclusa, sulla scorta di un'offerta economica ritenuta "difforme" rispetto a quanto previsto dal regolamento di gara.

renato labriola-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio di stato ferma l'appalto da 7 milioni: "No alla stipula del contratto"

CasertaNews è in caricamento