menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Carinola

Il carcere di Carinola

Covid in carcere, 2 morti ed allarmi contagi: “Serve subito ispezione”

I sindacati inviano una missiva a De Luca e Ruberto: chiesto anche l'invio immediato di personale di polizia penitenziaria

E' allarme contagi nel carcere di Carinola. Lo si apprende da una nota congiunta dei sindacati che chiedono un'ispezione immediata all'interno dell'istituto penitenziario. "La prevista e temuta terza ondata della pandemia da Covid-19 sta investendo a largo raggio anche la nostra regione con effetti devastanti e, in particolar modo, il carcere di Carinola - scrivono i sindacati in una missiva indirizzata al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, al prefetto di Caserta Raffaele Ruberto, al direttore generale dell'Asl Ferdinando Russo e al sindaco di Carinola Antonio Russo - dove si sta registrando un pericoloso focolaio con un aumento quotidiano e vertiginoso del contagio, tanto da rimanere pericolosamente sguarnito l'istituto in questione, tanto è che in un turno pomeridiano si è registrata addirittura la presenza di sole 2 unità in confronto alle 13, numero già al di sotto della soglia minima di sicurezza".

"È di pochi giorni fa la triste e sconvolgente notizia inerente alla scomparsa di due servitori dello Stato, entrambi vittime del virus, la cui colpa è stata quella di prestare servizio presso l’istituto di Carinola e quello di Napoli Poggioreale - continuano i sindacati Si.N.A.P.Pe, OSAPP, UIL P.A., PP USPP, FNS CISL, CNPP, FP CGIL - È evidente che l'evoluzione della pandemia richiede un contenimento immediato ed incisivo teso a salvaguardare la salute di quegli uomini e di quelle donne che con spirito di abnegazione servono lo Stato, nonché la sicurezza stessa degli istituti penitenziari. Nello specifico, infatti, presso il carcere di Carinola la carenza di personale dovuta ai numerosi contagi sta causando enormi problemi di carattere organizzativo e gestionale con inevitabile ripercussione negative sia sulla sicurezza interna, che sull’ordine pubblico. Purtroppo, i provvedimenti adottati nell'immediato dall’amministrazione penitenziaria, ai vari livelli interessati, come era già prevedibile, sono risultati inefficaci, inefficienti e fallimentari come dimostrato dallo stato dei fatti".

Al fine di fronteggiare e contenere ai minimi rischi l'emergenza in atto, i sindacati chiedono "l'immediato invio di personale di polizia penitenziaria in missione con provvedimenti di carattere stabile con tutti gli istituti giuridici ed economici che prevede la normativa - si legge nella missiva - oltre alla chiusura di tutti i locali di aggregazione presenti in istituto che possano comportare pericolosi assembramenti. Si chiede altresì una tempestiva ispezione delle autorità sanitarie ed amministrative finalizzata a valutare l'idoneità, la salubrità ed igiene dei luoghi di lavoro ed il rispetto dei protocolli Covid sottoscritti sia a livello centrale che periferico". Intanto è stato proclamato lo stato di agitazione del personale di polizia penitenziaria. "In assenza di risposte concrete - fanno sapere i sindacati - si valuteranno altre e più incisive forme di protesta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Attrice casertana sbarca in Rai col 'Commissario Ricciardi' | FOTO

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento