rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca Casapesenna

Truffa dello specchietto finisce male: "Picchiato e lasciato in un fossato privo di sensi"

Il racconto a Casertanews della vittima: "Ritrovato dai miei colleghi grazie al cellulare. Ho lesioni al viso e la mano fratturata"

Picchiato vicino l'autostrada e lasciato privo di sensi in un fossato. E’ questa la drammatica vicenda che ha coinvolto un lavoratore di Casapesenna che sarebbe stato aggredito nei pressi di Benevento. E’ lui stesso a raccontare la sua storia a Casertanews.

Secondo quanto riferisce, verso le 18,30 del 29 dicembre scorso, l’uomo – C.A. - si trovava in autostrada tra Avellino e Benevento per raggiungere il Capoluogo del Sannio per un intervento. Viaggiava a bordo di un veicolo aziendale quando, nei pressi dello svincolo di Benevento, sarebbe stato speronato da un furgone che gli avrebbe provocato la rottura di uno specchietto. Le persone all’interno del furgone lo invitano ad accostare e fermarsi.

Poi passano dalle richieste ai fatti. Gli chiudono la strada e lo fanno scendere dal proprio furgone. “Sono scese due o tre persone – racconta – Mi buttano a terra, mi picchiano e mi buttano nel fosso della carreggiata”. La vittima prosegue: “Ho lesioni al viso e la mano fratturata. Ho perso i sensi”. Nel frattempo scattano le ricerche. I colleghi grazie al gps del cellulare riescono a rintracciarlo. Scatta la richiesta di soccorsi al 118 ma “l’ambulanza non veniva” così viene trasportato dagli stessi colleghi all’ospedale di Benevento.

Qui i medici lo prendono in cura e “dopo circa 14 ore mi sono svegliato”. La vittima, che ha ringraziato i colleghi e l’equipe medica del nosocomio beneventano, spiega di aver deciso di raccontare la sua storia “per tutte le persone che subiscono questa stessa situazione – conclude – Quando vi capita una cosa del genere immediatamente chiamate la polizia e non fermatevi mai”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dello specchietto finisce male: "Picchiato e lasciato in un fossato privo di sensi"

CasertaNews è in caricamento