menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei frame del video amatoriale girato da un cittadino e finito agli atti del giudice

Uno dei frame del video amatoriale girato da un cittadino e finito agli atti del giudice

Aggressione ai poliziotti in piazza, tre scarcerati dal giudice

Convalidato l'arresto per padre e figlio e disposto l'obbligo di presentazione alla pg per il 54enne. Per il 18enne cade ogni accusa: "Era distante". Il video di un residente ribalta la ricostruzione

Sono stati tutti scarcerati i tre protagonisti della bagarre di sabato sera al rione Tescione di Caserta. Il gip Alessandra Grammatica ha convalidato l'arresto di padre e figlio, rispettivamente di 57 e 29 anni, esclusivamente per la resistenza a pubblico ufficiale (escludendo, dunque, il reato di lesioni) e disposto l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria solo per il padre. Non convalidato l'arresto del 18enne coinvolto nella vicenda. I tre hanno lasciato il carcere di Santa Maria Capua Vetere. 

Questa la decisione del magistrato all'esito dell'udienza di convalida, celebrata presso la casa circondariale "Francesco Uccella". Il giudice ha accolto le tesi dei difensori dei tre, gli avvocati Ida Lanzone per il 18enne ed Antonello Fabrocile per gli altri due. Il pm aveva invocato il carcere per padre e figlio e gli arresti domiciliari per il ragazzo più giovane.

Decisivo ai fini della ricostruzione dell'accaduto un video girato da un residente dal suo balcone di casa e finito agli atti. Immagini che in parte hanno 'smentito' la dinamica descritta dagli agenti, intervenuti in piazza Cavour, al rione Tescione. 

Dal video, emerge un atteggiamento 'aggressivo e minatorio' di padre e figlio ma anche il fatto che il ragazzo di 18 anni non ha partecipato all'azione, risultando lo stesso distante da quella che appare come una colluttazione (che c'è stata verosimilmente con gli altri due). Inoltre, le immagini non riprendono un nutrito numero di residenti accerchiare le forze dell'ordine che, dunque, non sarebbero state costrette a diradare la "folla", con l'uso dello spray al peperoncino. Circostanze su cui il magistrato intende fugare dubbi magari attraverso una perizia del video finito agli atti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento