Internato al Rems prende a pugni pazienti e infermieri per scappare


Il 47enne è stato arrestato dai carabinieri e condotto in carcere

I carabinieri della Stazione di Vairano Scalo hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura, nei confronti di Attilio Quotidiano, 47enne di Napoli, accusato di tentata estorsione aggravata, lesioni personali plurime e minacci aggravata. 

Quotidiano era internato presso la REMS (Residenza per l’esecuzione della misura di sicurezza) di Vairano Patenora, in regime di misura di sicurezza preventiva. L’arresto segue l’indagine diretta dalla Procura a seguito dell’aggressione messa in atto da Quotdiano all’interno del REMS nella notte del 3 luglio scorso, ai danni di alcuni operatori del centro. 

In particolare il 47enne colpiva alla testa con pugni e schiaffi una infermiera in servizio, procurandole un trauma cranico, oltre ad intimorirla con minacce di morte, il tutto per farsi consegnar il denaro per allontanarsi dalla struttura.

Subito dopo Quotidiano continuava la sua condotta violenta anche contro un paziente del REMS, a cui procurava la frattura di due costole ed un trauma cranico, nonché ad un’altra operatrice socio-sanitaria presente, colpita con un pugno al volto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pericolo di reiterazione di future condotte violente, alla luce della personalità dell’indafgato, ha quindi reso necessario il provvedimento cautelare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

  • Trasforma la tettoia in mansarda, 'condannato' dal giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento