Internato al Rems prende a pugni pazienti e infermieri per scappare


Il 47enne è stato arrestato dai carabinieri e condotto in carcere

I carabinieri della Stazione di Vairano Scalo hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura, nei confronti di Attilio Quotidiano, 47enne di Napoli, accusato di tentata estorsione aggravata, lesioni personali plurime e minacci aggravata. 

Quotidiano era internato presso la REMS (Residenza per l’esecuzione della misura di sicurezza) di Vairano Patenora, in regime di misura di sicurezza preventiva. L’arresto segue l’indagine diretta dalla Procura a seguito dell’aggressione messa in atto da Quotdiano all’interno del REMS nella notte del 3 luglio scorso, ai danni di alcuni operatori del centro. 

In particolare il 47enne colpiva alla testa con pugni e schiaffi una infermiera in servizio, procurandole un trauma cranico, oltre ad intimorirla con minacce di morte, il tutto per farsi consegnar il denaro per allontanarsi dalla struttura.

Subito dopo Quotidiano continuava la sua condotta violenta anche contro un paziente del REMS, a cui procurava la frattura di due costole ed un trauma cranico, nonché ad un’altra operatrice socio-sanitaria presente, colpita con un pugno al volto.

Il pericolo di reiterazione di future condotte violente, alla luce della personalità dell’indafgato, ha quindi reso necessario il provvedimento cautelare.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento