Infermiere aggredito al Pronto soccorso da 2 persone

Un’altra notte di terrore in ospedale: è ricoverato in Medicina d’urgenza

Un’altra notte di terrore all’azienda ospedaliera di Caserta con un infermiere che si ritrova adesso ricoverato in prognosi riservata presso il reparto di Medicina d’Urgenza dell’Aorn Sant’Anna e San Sebastiano.

L’uomo, domenica sera verso le 22, è intervento per cercare di placare gli animi di una discussione tra due persone che erano in attesa di essere visitate al Pronto soccorso ed un medico: la lite era iniziata (come purtroppo accade spesso) per i presunti ritardi nella gestione dei pazienti. L’infermiere ha provato a placare le ire dei due uomini in attesa, ma la discussione è degenerata: il dipendente dell’ospedale è stato colpito con violenza ed un pugno lo ha preso al volto, facendo cadere a terra.

I due uomini poi si sono allontanati, dopo aver distrutto anche un po’ di arredi, mentre infermieri e medici si dedicavano al ferito, che ha perso conoscenza anche per diverso tempo. E’ stato immediatamente sottoposto a Tac ed è stato poi ricoverato in Medicina d’Urgenza. Sul caso hanno indagato i carabinieri di Caserta che hanno identificato e denunciato i due aggressori, entrambi residenti nel Capoluogo. 

Purtroppo non è la prima volta che si verificano fatti del genere e torna sempre più attuale la necessità di riproporre il presidio di polizia all’interno della struttura ospedaliera del Capoluogo per ridare maggiore sicurezza al personale che vi lavora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

Torna su
CasertaNews è in caricamento