rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca Cellole

Testata al volto sul Corso: il cuore di Roberto ha smesso di battere

Il falegname si è spento nel reparto di Rianimazione dell'ospedale civile di Sessa Aurunca

Si è spento presso il Reparto di Rianimazione dell’ospedale civile di Sessa Aurunca Roberto Fusciello, 46enne di Cellole, vittima di una brutale aggressione verificatasi nel pomeriggio di domenica 14 gennaio in Corso Freda a Cellole.

Non ha retto il cuore del giovane operaio impiegato al nord Italia nel settore nautico, padre di due bambini. A colpire il malcapitato al volto con una terribile testata e poi una volta a terra con calci e pugni, Gianluca Sangiorgio, 44enne di Cellole, tratto in arresto  poco dopo l’aggressione dai carabinieri del norm della Compagnia di Sessa Aurunca e della locale stazione.

L’aggressione è avvenuta all’esterno di una sala scommesse, all’interno i due hanno iniziato a discutere e fuori l’esercizio commerciale è avvenuto il pestaggio. I militari grazie alle telecamere pubbliche ed i filmati di privati circuiti di videosorveglianza sono risaliti all’aggressore, già noto alle forze dell’ordine per reati contro la persona ed in materia di sostanze stupefacenti (per questi è stato assolto). Adesso la Procura procederà con la riqualificazione del reato in omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testata al volto sul Corso: il cuore di Roberto ha smesso di battere

CasertaNews è in caricamento