rotate-mobile
Cronaca Carinola

Sim non funziona, detenuto picchia agenti e li manda in ospedale

L'episodio di violenza al carcere di Carinola: "Trasferimenti urgenti per chi aggredisce gli agenti"

La sim non funziona. Questo il motivo per cui un detenuto ha aggredito un ispettore e due assistenti della polizia penitenziaria. L'aggressione è avvenuta al carcere di Carinola, con gli agenti coinvolti costretti alle cure del 118. 

Tutto è accaduto perché l'aggressore riteneva i poliziotti responsabili del malfunzionamento della scheda telefonica. "Che fine ha fatto la circolare per i trasferimenti urgenti dei detenuti che aggrediscono il personale?'" chiedono il presidente e il segretario regionale dell'Uspp, Giuseppe Moretti e Ciro Auricchio.

"Siamo allo sbando, - sottolineano - in un carcere che era il fiore all occhiello dell' amministrazione penitenziaria e che è stato distrutto tagliando il personale di 100 unità rispetto alla pianta organica del 2017".

Per i due sindacalisti "bisogna intervenire subito, come proposto dal nostro sindacato al sottosegretario alla giustizia Del Mastro delle Vedove, eliminando i benefici di legge ai detenuti che si rendono protagonisti di aggressioni al personale di polizia penitenziaria. Giunga la solidarietà del sindacato ai colleghi aggrediti".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sim non funziona, detenuto picchia agenti e li manda in ospedale

CasertaNews è in caricamento