Cronaca Frignano

Accoltella il fratello e viene prosciolto: "Incapace di intendere e volere"

La decisione del magistrato dopo la perizia richiesta dalla difesa

Non era capace di intendere e volere. Questa la decisione del gip Morra del tribunale di Napoli Nord che ha pronunciato sentenza di non luogo a procedere per un 44enne di Casaluce, accusato di aver accoltellato il fratello.

Decisiva la perizia psichiatrica richiesta dal difensore dell'uomo, l'avvocato Mirella Baldascino, che ha rimarcato come l'imputato al momento del fatto non fosse capace di intendere e volere. Disposta anche la sostituzione della misura con la reclusione presso una comunità di Casal di Principe.

I fatti di cui al processo si sono svolti a Frignano lo scorso settembre. Il 44enne, dopo una lite per futili motivi, aveva ferito il fratello con un coltello da cucina. Poi si era barricato in casa minacciando di suicidarsi fino ad essere convinto dai carabinieri a consegnarsi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltella il fratello e viene prosciolto: "Incapace di intendere e volere"
CasertaNews è in caricamento