Fa sesso con una bambina e si filma: arrestato l'orco

Ha minacciato la piccola di divulgare i video per costringerla a stare zitta

(foto di repertorio)

Nella mattinata di sabato 27 giugno la Polizia di Stato di Caserta ha eseguito un'ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa il 26 giugno dal Gip di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 24enne della provincia di Caserta, ritenuto responsabile di abusi sessuali pluriaggravati, reati consumati dal maggio 2014 fino al 10 gennaio 2018, ai danni di una minore di 14 anni, persona ad egli legata da rapporto di parentela.

L'indagine, diretta dalla Sezione specializzata di questa Procura della Repubblica Procura della Repubblica e delegata alla Squadra Mobile di Caserta, è stata immediatamente avviata a seguito della denuncia sporta dalla madre della minore, che aveva raccolto le confidenze della figlia quanto agli abusi subiti in passato ad opera dell'indagato. A seguito della successiva prolungata audizione della vittima, emergevano i sistematici abusi sessuali, iniziati quando la minore aveva solo 7 anni; si accertava che l'indagato, dopo aver minacciato la minore di diffondere video intimi della stessa, videoriprese da egli stesso realizzati, la costringeva a subire ulteriori rapporti sessuali, reiterando gli abusi sessuali per circa cinque anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre alla precisa ed attendibile dinamica riferita dalla minore, venivano escussi numerosi familiari ed acquisiti diversi riscontri oggettivi, anche attraverso l'analisi dei supporti informatici in uso all'autore delle violenze, acquisizioni che inducevano l'indagato, ormai privo di ogni possibile spazio difensivo, confessava gli addebiti a suo carico. E' da sottolineare che le violenze avevano termine solo nel momento in cui la vittima si trasferiva in altra città per esigenze lavorative del nucleo familiare. Terminati gli atti di rito, l'arrestato è stato associato presso il proprio domicilio per rimanere a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento