Abbazia a rischio crollo, la Procura ottiene il sequestro

Le indagini continuano per individuare i responsabili

L'abbazia della Ferrara a Vairano

I carabinieri del Comando Stazione Carabinieri di Vairano Scalo hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso d'urgenza dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vedere, debitamente convalidato dal gip, che ha vincolato le strutture costituenti il complesso monumentale "Abbazia della Ferrara", ubicato in località Ferrara -nel Comune di Vairano Patenora, già sottoposto a tutela monumentale, con decreto emesso il 26.8.1988, ai sensi della Legge n,1089 del 01/6/1939 dal Ministro dei beni Culturali e Ambientali. 

Il provvedimento cautelare scaturisce da accurati accertamenti coordinati dalla Procura, che hanno consentito di verifìcare come l'intero complesso monastico, costituito dai resti di un corpo principale dotato di un chiostro e da una chiesa adiacente, edificati a partire dall'anno 1711 e funzionante fino all'anno 1807, versava in completo stato di abbandono, tale da aver causato crolli delle mura perimetrali e delle volte, danni ad archi con chiavi prossime al crollo, vistose lesioni verticali ed apparati radicali presenti nella muratura, per cui si è reso necessario un immediato intervento finalizzato alla messa in sicurezza dell'intero complesso strutturale. II prosieguo delle attività investigative è finalizzato ad individuare eventuali responsabilità penali dei soggetti pubblici e/o privati preposti al controllo ed a tal proposito sono in corso ulteriori approfondimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

Torna su
CasertaNews è in caricamento