menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Procura ordina l’abbattimento di 23 case abusive

Si parte martedì: ogni azione costerà 40mila euro

Via libera della Procura di Santa Maria Capua Vetere agli abbattimenti in località Pantano a Cellole. Martedì prossimo in esecuzione di una sentenza del Tribunale di Santa Maria Capua, il Comune di Cellole provvederà all'abbattimento di un manufatto abusivo in via degli Olmi località Costiera Pineta. Sarà il primo di una serie di demolizioni con l'avvio martedì 19 novembre con cadenza bimensile per un gruppo di 23 fabbricati illeciti da eliminare. La zona del Pantano a Cellole é l'emblema dello scempio dell'abusivismo edilizio dove sono prolificate ben 800 unità abitative create in violazione di norme sull'edilizia. La procedura di demolizione per le opere abusive però ha dei costi. Per ogni immobile illecite il comune cellolese verserà una somma di 40.000 euro. Considerando che su disposizione della Procura di Santa Maria Capua Vetere il primo gruppo di demolizione consta di 23 unità immobiliari, l'esborso comunale sarà pari a circa un milione di euro. Vero é che i Comuni possono chiedere delle anticipazioni di liquidità alla Cassa Depositi e Prestiti spa con una restituzione da adempiersi in 5 anni senza interessi, ma le erogazioni hanno un tetto massimo di spesa. Una situazione particolare in cui si ritrovano i Comuni che non riuscendo a provvedere a tutte le demolizioni imposte per legge ricorrono all'alternativa dell'acquisizione del patrimonio immobiliare abusivo al patrimonio dovendo attuare delle procedure in danno sui proprietari delle abitazioni illecite. Molto spesso però quelle costruzioni vengono lasciate lì o nella peggiore delle ipotesi ancora nella disponibilità dei 'legittimi' occupanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento