menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
170238_via_arno_carabinieri_ftv

170238_via_arno_carabinieri_ftv

Scomparsa Pasqualino Porfidia: si cercano tracce in via Arno

Marcianise - Alla ricerca febbrile di tracce o elementi utili al prosieguo delle indagini sulla scomparsa di Pasqualino Porfidia, l'allora bimbo di 8 anni scomparso il 7 maggio 1990. Da stamane i Carabinieri della Compagnia di Marcianise, con...

Alla ricerca febbrile di tracce o elementi utili al prosieguo delle indagini sulla scomparsa di Pasqualino Porfidia, l'allora bimbo di 8 anni scomparso il 7 maggio 1990. Da stamane i Carabinieri della Compagnia di Marcianise, con l'ausilio dei Vigili del fuoco di Caserta, sono impegnati in un'ispezione di alcuni cortili e pozzi in Via Arno, a Marcianise. Il piccolo fu visto l'ultima volta intorno alle 11.30 nel quartiere di San Giuliano, dove viveva con la famiglia, mentre era seduto su una panchina. Da quel giorno di lui più nessuna traccia. Ed è proprio da quella strada che le indagini sono riprese per cercare di trovare nuovi elementi utilizzando anche moderne tecniche scientifiche di rilevamento all'epoca della scomparsa del bimbo ancora ignote. Gli inquirenti sono convinti che in quell'area è possibile ancora trovare tracce del ragazzo anche se sono passati tutti questi anni. Da alcune indiscrezioni sembra che una delle piste seguite sia quella della pedofilia. A contribuire, infatti, alla riapertura del caso anche una lettera di un 30enne di origini marcianisane suicida in Lombardia. Nella epistole di addio, scritta prima di togliersi la vita, l'uomo aveva confessato di aver subito da piccolo abusi sessuali da parte di un adulto che abitava nei pressi dell'abitazione di Pasqualino Porfidia in via Arno. Nelle scorse settimane una troupe di "Chi l'ha visto?" aveva intervistato in forma anonima anche un presunto pedofilo che però si era detto completamente estraneo a tutta la vicenda.
La strada stamane è stata interdetta ai passanti compresa la stampa. Erano presenti sul luogo, a coordinare le indagini, il magistrato titolare dell'inchiesta ed il capitano Nunzio Carbone, comandante della Compagnia dei Carabinieri di Marcianise.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Tragico incidente sull'Appia: identificata la vittima

  • Cronaca

    "Amianto interrato", sequestrato complesso residenziale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento