Cronaca

Sfrattano un anziano dall'alloggio delle case popolari e minacciano giornalista: denunciata coppia di giovani casertani

Caserta - I carabinieri della stazione di Caserta, la scorsa settimana, in seguito ad una denuncia, si sono occupati della vicenda inerente l'occupazione abusiva dell'alloggio Iacp legittimamente assegnato a C.G., casertano 63enne, con gravi...

064848_carabinieri

I carabinieri della stazione di Caserta, la scorsa settimana, in seguito ad una denuncia, si sono occupati della vicenda inerente l'occupazione abusiva dell'alloggio Iacp legittimamente assegnato a C.G., casertano 63enne, con gravi problemi di salute, il quale, nel fare rientro presso la propria abitazione aveva constatato che si era stanziata all'interno una coppia di giovani, C.R (minorenne) e S.A. 24 enne, entrambi casertani, i quali avevano approfittato della momentanea assenza dell'uomo cambiando addirittura la serratura della porta di ingresso per appropriarsi dell'alloggio, incuranti della grave situazione di salute dell'anziano che ormai da solo, si era visto costretto a vivere di fatto, alcuni giorni da senzatetto, passando le notti all'addiaccio su una panchina di piazza dalla chiesa.L'intervento dei carabinieri nella vicenda, ha indotto la coppia ad abbandonare volontariamente l'alloggio abusivamente occupato, permettendo al legittimo proprietario di farvi rientro e mettendo fine alla triste .C.R. e' figlio di un noto pregiudicato casertano, affiliato al clan dei Belforte, attualmente detenuto.
Secondo quanto appreso durante le indagini, un cronista ed alcuni conoscenti della vittima del reato che nei giorni scorsi si erano interessati alla vicenda, sarebbero stati destinatari di inviti minacciosi da parte dei protagonisti affinché l'evento non fosse reso pubblico. Sono in corso accertamenti per verificare la fondatezza di tale vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfrattano un anziano dall'alloggio delle case popolari e minacciano giornalista: denunciata coppia di giovani casertani

CasertaNews è in caricamento