Cronaca

16enne brasiliana tenta suicidio buttandosi dal balcone: salvata

Caserta - Nella giornata di ieri, 14 gennaio 2014, alle ore 06,00 circa, personale della Squadra Volante della Questura di Caserta, diretta dal V. Questore Agg. dr. Riccardo Di Vittorio, nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio...

064106_polizia-di-stato_camorra_zagaria_ftv

Nella giornata di ieri, 14 gennaio 2014, alle ore 06,00 circa, personale della Squadra Volante della Questura di Caserta, diretta dal V. Questore Agg. dr. Riccardo Di Vittorio, nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio, su disposizione della locale Sala Operativa, è intervenuta in questa Via S. Carlo ove era stato segnalato un tentativo di suicidio in atto.
In effetti, giunti immediatamente sul posto, i poliziotti notavano al 3° piano dello stabile, una donna che piangeva a dirotto, sulla parte esterna del balcone, aggrappata alla ringhiera con le mani e con le gambe a penzoloni sospese nel vuoto.
Prontamente gli operatori cercavano di tranquillizzarla e di farla recedere dall'insano gesto e facevano richiesta di personale medico del "118" e dei Vigili del Fuoco, adoperandosi nel frattempo per cercare di entrare nell'appartamento, non riuscendovi, in quanto la porta d'ingresso era chiusa regolarmente a chiave e nessun'altro era in casa.Intanto, i poliziotti continuavano a dialogare con la donna, in evidente stato di shock, cercando di sostenerla moralmente affinché la stessa non si lasciasse andare, rendendosi conto che stava perdendo le forze e rischiava di cadere nel vuoto da un momento all'altro.Visto ciò, sollecitavano l'intervento dei Vigili del Fuoco e cercavano in tutti i modi di convincerla a non desistere e a mantenersi ancora aggrappata con tutte le proprie forze.Finalmente, dopo pochi, ma interminabili minuti, giungevano sul posto i Vigili del Fuoco, che già precedentemente informati dai poliziotti della situazione in atto e del mezzo occorrente per prestare soccorso, provvedevano con la scala mobile dotata di cestello a salire in corrispondenza del 3° piano dello stabile e a trarre in salvo la signora ormai esausta.Portata a terra, ci si rendeva conto che si trattava di ragazza minore degli anni 18 (16 anni), di nazionalità brasiliana, convivente con la zia materna, al momento assente, in quanto ricoverata presso l'Ospedale Civile di Caserta.
La ragazza, quindi, veniva, affidata al personale medico del "118", che provvedeva a trasportarla presso il nosocomio cittadino per le cure del caso.

Nell'immediatezza del fatto, la ragazza riferiva ai poliziotti, in evidente stato confusionale, di aver tentato il suicidio, in quanto dovendo ripartire per il Brasile, al termine di un breve soggiorno, non voleva lasciare il territorio italiano.Successivamente gli operatori di polizia, unitamente al personale dei Vigili del Fuoco, riuscivano a reperire le chiavi di apertura della porta di'ingresso del suddetto appartamento ed una volta entrati, si avvedevano che nell'abitazione non vi era presenza di altri familiari.
A tal punto i poliziotti si portavano presso il locale Ospedale, ove rintracciavano la zia della ragazza, ricoverata presso il Reparto di Ortopedia, che veniva resa edotta dell'accaduto ed alla quale, unica parente presente in Italia poiché la madre al momento si trova in Brasile, veniva affidata la nipote e riconsegnate le chiavi dell'appartamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

16enne brasiliana tenta suicidio buttandosi dal balcone: salvata

CasertaNews è in caricamento