menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
114511_amato

114511_amato

Spaccio di hashish, polizia arresta pusher 47enne

Caserta - Il quotidiano impegno profuso nel capoluogo dalla Polizia di Stato nel contrasto alle attività illecite concernenti gli stupefacenti, nel pomeriggio di ieri, ha portato all'arresto dell'ennesimo, insospettabile pusher. In particolare...

Il quotidiano impegno profuso nel capoluogo dalla Polizia di Stato nel contrasto alle attività illecite concernenti gli stupefacenti, nel pomeriggio di ieri, ha portato all'arresto dell'ennesimo, insospettabile pusher. In particolare, gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Caserta, diretta dal V.Q.A. dr. Alessandro Tocco, ieri pomeriggio, hanno arrestato, per detenzione di hashish, Amato Nicola, nato il 31.08.1967 a Caserta, ivi res., disoccupato, con precedenti specifici. L'operazione traeva spunto dalla acquisizione di notizie circa l'operatività in Caserta di uno spacciatore "itinerante" che, per sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine, era solito spostarsi a bordo di una bicicletta, con la quale raggiungeva i luoghi di abituale spaccio, convenuti con i suoi clienti, tra i quali una frequentata ed affollata sala scommesse di Corso Trieste. I poliziotti, confondendosi tra gli avventori, avviavano un paziente servizio di appostamento, individuando nell'Amato Nicola un possibile sospetto, per l'atteggiamento guardingo che assumeva nel fare ingresso nel locale. Poi, procedendo al controllo dell'uomo, rinvenivano nelle tasche dei pantaloni l'ingente somma di 2.270 euro e, occultate negli slip, alcune "stecchette" di hashish. Pertanto gli operanti decidevano di eseguire anche una perquisizione locale presso l'effettivo domicilio del sospetto che, inizialmente, ma inutilmente, aveva tentato di depistare gli investigatori, dichiarando di risiedere presso l'abitazione della madre inferma. L'espediente, però, era svelato immediatamente dai poliziotti i quali, anzitutto, appuravano che le chiavi in possesso del fermato non corrispondevano alla serratura del domicilio della madre, e poi, tramite rapide verifiche, appuravano che lo stesso da qualche mese si era trasferito in uno stabile di Via Avellino dove, effettivamente, venivano rinvenuti i suoi effetti personali. La successiva perquisizione consentiva di acquisire l'ulteriore prova delle illecite attività condotte da Amato Nicola, infatti, venivano ritrovati ulteriori due panetti di hashish, occultati nel vano del filtro della cappa della cucina dell'abitazione, mentre sul tavolo erano recuperati un grosso coltello, con evidenti tracce dello stupefacente sulla lama, e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi. Pertanto, Amato Nicola veniva arrestato in flagranza di reato e, dopo le formalità di rito, associato alla Casa Circondariale di Santa Maria C.V. (CE), mentre il denaro, ritenuto provento dell'illecita attività, e lo stupefacente, complessivamente gr.180,40, venivano sequestrati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento