menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
095613_carabinieri_marcianise

095613_carabinieri_marcianise

Doppia rapina ad un esercizio commerciale con bottino di 30mila euro: 8 arresti tra cui due dipendenti basisti

Capodrise - Nella mattinata di oggi, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia diMarcianise hanno dato esecuzione a un'ordinanza cautelare emessa dal Giudice per le indaginipreliminari del Tribunale di S. Maria Capua Vetere...

Nella mattinata di oggi, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia diMarcianise hanno dato esecuzione a un'ordinanza cautelare emessa dal Giudice per le indaginipreliminari del Tribunale di S. Maria Capua Vetere, su conforme richiesta di questa Procura dellaRepubblica, nei confronti di: Arignano Mauro, classe 1990; Cerchia Riccardo classe 1989, custodia cautelare in carcere; Cerchia Vincenzo, classe 1988, arresti domiciliari; Covato Grazio, classe 1984, arresti domiciliari; D'Angelo Antonio, classe 1993, arresti domiciliari; De Rosa Alessio, classe 1993, arresti domiciliari; Lionelli Raffaele, classe 1981, custodia cautelare in carcere; Russo Tommaso, classe 1981, custodia cautelare in carcere.
"Gli arrestati - spiega una nota stampa della Procura della Repubblica di S.Maria C.V. a firma del procuratore Raffaella Capasso - sono gravemente indiziati della commissione di due rapine avvenute, all'interno di un esercizio commerciale di Capodrise, nel dicembre 2013 e nel gennaio di quest'anno. I rapinatori erano riusciti, nelle due distinte occasioni, ad asportare la somma contante di circa 30.000 euro, nonché un furgone carico di merce, poi recuperato a Casoria a seguito di uninseguimento effettuato da una pattuglia di carabinieri. In quest'ultima occasione, i rapinatori, nelcorso della fuga, avevano imboccato una strada in contromano e avevano finito per causare così unsinistro stradale, in cui era rimasta ferita una giovane donna"."Le indagini tradizionali - continua la nota dei giudici - affiancate da attività di intercettazione telefonica, hanno consentito diindividuare in due dipendenti dell'esercizio commerciale i basisti dell'organizzazione. Essi si eranooccupati, nella prima rapina, di fornire informazioni ai complici sulle modalità del trasportodell'incasso e, nella seconda rapina, di fornire la chiave originale del furgone rapinato.Nel corso delle indagini, sono stati accertati altresì alcuni episodi di estorsione posti in essere dagliattuali arrestati con il metodo del c.d. "cavallo di ritorno" in danno di proprietari di veicoli, i quali,dopo averne subito il furto, si erano visti costretti a consegnare alcune centinaia di euro per ottenerela restituzione della loro autovettura".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento