menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
084507_neonato

084507_neonato

Aveva abbandonato il figlio neonato ma ora lo rivuole: la ragazza, una 30enne romena, dovra' attendere la decisione del Tribunale

Frignano - Dopo cinque giorni, la madre del neonato abbandonato nel cortile della Chiesa di Santa Maria dell'Arco a Frignano (Caserta) torna e rivuole suo figlio. Si tratta di una ragazza romena di 30 anni, residente in zona, che ora chiede di...

Dopo cinque giorni, la madre del neonato abbandonato nel cortile della Chiesa di Santa Maria dell'Arco a Frignano (Caserta) torna e rivuole suo figlio. Si tratta di una ragazza romena di 30 anni, residente in zona, che ora chiede di riavere il proprio bambino. La decisione sarà presa dal Tribunale per i Minorenni di Napoli. La donna è stata segnalata alla magistratura in stato di libertà per abbandono di minore.

Il piccolo era stato chiamato Francesco dal parroco della chiesa, don Roberto Caterino, come Papa Bergoglio. Il presule lo aveva ritrovato dopo la messa di domenica scorsa intorno alle 18. Il neonato era in un seggiolone, vicino al quale c'era una borsa contenente tutto l'occorrente per assisterlo: il biberon con il latte caldo, la borsa termica con gli omogeneizzati, indumenti per maschietti e una coperta di lana con i colori del Napoli.
La madre si è presentata all'ospedale di Aversa (Caserta), dove il piccolo è ancora ricoverato, in compagnia del parroco, dicendo di volersi riprendere il figlio. La donna avrebbe preso la decisione per motivazioni economiche. Una volta dimesso dalla struttura sanitaria il neonato andrà in una casa-famiglia del Comune, in attesa della decisione del Tribunale per i Minorenni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento