Cronaca

Spara e uccide una donna di 52 anni: arrestato un 21enne figlio di Antonietta Alfieri

Santa Maria Capua Vetere - Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua vetere, congiuntamente a personale della Polizia di Stato, hanno arrestato, in flagranza di reato per omicidio, Merola Niko, cl. 93. L'uomo, poco prima...

083616_polizia_carabinieri

Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua vetere, congiuntamente a personale della Polizia di Stato, hanno arrestato, in flagranza di reato per omicidio, Merola Niko, cl. 93. L'uomo, poco prima, in via Giannotti di quel centro, ha sparato, uccidendola, Sales Annamaria, cl. 62. L'arma del delitto, una pistola, è stata rinvenuta e sequestrata dai Carabinieri. Sono attualmente in corso ulteriori accertamenti da parte dei Carabinieri e della Polizia di Stato.

All'omicidio, avvenuto l'altra notte, ha assistito la figlia della vittima. Niko Merola, 21 anni, è stato arrestato per omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. Il giovane si è consegnato spontaneamente ai carabinieri dopo l'omicidio. Secondo quanto si apprende, è stato lo stesso ragazzo, che prima ha raccontato tutto al padre, poi è stato convinto dal genitore a consegnarsi alla polizia, cui ha portato anche la pistola usata per il delitto. Merola è figlio di Antonietta Alfieri, 50 anni, la donna uccisa brutalmente al centro di un caso di cronaca che finì anche a "Chi l'ha visto". La 50enne, infatti, scomparve di casa nel 2012, e solo nel settembre di quell'anno il suo corpo, con una ferita al cranio, fu ritrovato in un binario poco usato vicino alla stazione di Caserta. Al momento dello sparo e della morte di Annamaria Sales, anche la figlia, di cui Niko Merola e' definito dagli inquirenti "amico", era presente nell'abitazione. La donna e' stata raggiunta da un unico colpo di pistola al torace. Da una prima ricostruzione sembra che il giovane intorno alle 2.30 abbia bussato alla porta della donna, che si è affacciata alla finestra ma non ha aperto la porta. A questo punto Merola le ha chiesto se almeno gli facesse accendere una sigaretta dalla finestra. La discussione è ripresa per poi sfociare in una lite al culmine della quale Niko Merola ha estratto una pistola 7,65 e ha sparato un solo colpo, che ha colpito la donna al torace, uccidendola davanti alla figlia di 21 anni, Carmen Capasso. Prima di fuggire si è rivolto alla giovane e le ha detto: "Io non ho mia madre e ora anche tu sei senza madre".
Sono attualmente in corso accertamenti da parte dei Carabinieri e della Polizia di Stato per comprendere appieno il movente dell'omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spara e uccide una donna di 52 anni: arrestato un 21enne figlio di Antonietta Alfieri

CasertaNews è in caricamento